Rossignoli Randonneur

Rossignoli

Nel 1999 sono andato da Rossignoli, una bottega storica di Milano, alla ricerca di una bicicletta per le lunghe distanze. Ai tempi non si parlava di bici da randonnée come adesso, i brevetti dovevano ancora prendere piede e non c’ erano tutti i mezzi d’ informazione (o almeno io non li conoscevo) per potersi scambiare opinioni al riguardo. Avevo però già qualche idea in testa ma avevo bisogno di chiarimenti. Mi sono così affidato a loro, e dopo avergli spiegato l’ utilizzo che ne avrei fatto (lunghe distanze, avevo già partecipato ad alcuni brevetti e pensavo alla Roma-Bergamo del 2000) mi hanno preso le misure come si faceva una volta e dopo un paio di settimane di attesa la bici è arrivata. Un bel mezzo d’ acciaio, geometrie abbastanza classiche (ma con un angolo sterzo “comodo”), colore nero lucido, montata Campagnolo. Il prezzo ancora lo ricordo, unmilionecinquecentomila Lire. Bei numeri. L’ unica nota dolente erano i freni: aveva un passaggio ruota generoso (la possibilità di poter montare copertoncini a sezione più larga era stata una delle mie richieste, più i parafanghi) e ai tempi sul mercato non si trovava granchè, così mi sono dovuto accontentare di una coppia di intramontabili Universal, funzionali ma non troppo potenti.

E’ restata per anni la mia unica bici da corsa, e dopo il mio trasferimento ad Arco è stata quella con cui ho ripreso a pedalare dieci anni dopo e, riverniciata e con qualche modifica, mi ha portato al traguardo della Londra-Edinburgo-Londra. Il pensionamento avviene con l’ arrivo della Mercian,  per poi essere presa ancora in mano per l’ ennesima trasformazione, questa volta in scatto fisso.

Adesso è tornata a splendere come un tempo, ed è quello che si merita. Riverniciata professionalmente ho deciso di darle nuova vita e di trasformarla in quella che sarà la mia bici da tutti i giorni, compreso il trasporto del carrellino di Eva. A parte le ruote che ho assemblato con pezzi nuovi, il resto del materiale era tutto già presente “in casa”, quindi la realizzazione è stata abbastanza economica con un risultato che ha stupito le mie aspettative. Peccato per un incidente di percorso che è costato un’ ammaccatura sul tubo piantone, difetto con cui dovrò convivere per il resto della sua vita.

Tutte le foto e i dettagli sul set di Flickr.