200-300-400-600 fatti, ma Parigi?

Con il 600 di Verona e il 300 di Spilamberto-MO, ho concluso positivamente il ciclo di qualifiche per poter partecipare alla Parigi-Brest-Parigi. Ma ad oggi non sono ancora sicuro di voler andare in Francia.

Le qualifiche sono andate bene, ovvio non senza difficoltà, soprattutto nella prima giornata della rando di Musseu. 600km da fare, se ci penso mi viene male. Si fa per dire. Ma almeno la testa ormai è abituata a dover affrontare ostacoli simili e reagisce di conseguenza. O forse non reagisce proprio, si va e basta. Poi mica li ho fatti tante volte 600km. Ecco, di nuovo i dubbi e le paure.

Più partecipo alle rando e più mi accorgo che non sono il “randagio” tipo. E me ne accorgo sempre quando sono in crisi. Perché quando hai una crisi in una rando (e stai sicuro che lei prima o poi arriva quando pedali di filato per due giorni) cosa fai se non pensare a chi te lo ha fatto fare? Già, quante volte mi è capitato….ho perso il conto. Come questa volta, quando alle 22:30 di sabato ho scollinato da solo sul Passo di Cimabanche, con circa 300km nelle gambe, da solo, al buio, freddo e sotto la pioggia. E tutte le volte mi dico mai più, e sono già li che penso che domattina prenderò un treno, perché io in bici domani mica ci voglio risalire. Poi mi butto per terra sul parquet di una palestra con le luci accese a riposare quattro ore avvolto nel mio sacco a pelo e la mente si resetta. E alle 04:00 del mattino sono di nuovo in strada, ancora sotto l’ acqua ma con un’ energia rinnovata. Eh sì, poi oggi è tutta discesa, e a Loppio potrò vedere i miei bimbi (e la Vale), come i prof quando col Giro passano vicino a casa.

E così è andata in porto anche questa, 600km, 37 ore. Ma devo già pensare alla prossima settimana, che c’ è il 300 e io non sono mica il randagio tipo che tutte le settimane si spara una mega distanza, e già so che farò fatica.

E farà caldo. Eccome. Ma stavolta la partenza non mi frega. Mica come al 600 che sono partito 45 minuti dopo tutti. Oggi a Spilamberto si parte alle 08:00, primi 100km di pianura, imperativo ciucciare le ruote del gruppo. Ma poi arrivi al primo controllo, e tra chi fa pipì, chi guarda il negozio, chi si perde via per altri motivi, riparti da solo, di nuovo, perché in fondo è così che ti piace. Al tuo ritmo ed un controllo alla volta, è così che si arriva sempre alla fine. E poi iniziano le salite, e tu c’ hai la bici coi parafanghi che è un po’ più pesante, perché sei fesso e ti piace fare le cose come la tradizione, perché quelle bici li troppo moderne con le loro borse belle leggere non ti piacciono mica. Ma tu che pesi meno di 70kg se avessi una bici leggera sarebbe meglio no? La prossima volta forse…..

Per fortuna che oggi ci saranno tanti bei momenti condivisi a farti passare i chilometri insieme a randagi vecchi e nuovi, e ti accorgi che alla fine è questo il bello, e stasera è questo che ti porterai a casa. Beh, e poi quel fantastico arrivo al crepuscolo pedalando avvolto tra le lucciole, neanche quello te lo scorderai per un bel po’. Ah, e neanche il pasta party.

Pro e contro del mio Grand Tour Terme d’ Etruria, 600km ACP

IMG_4062

Non facevo un brevetto da 600km dal 2011, ma nonostante questo la qualifica più impegnativa per la prossima Parigi-Brest-Parigi è archiviata con successo.

Prima di procedere con il racconto vero e proprio di questa rando approfitto del poco tempo a disposizione questa settimana per fare una breve auto-analisi su cosa ha funzionato e cosa no nella preparazione/gestione della randonnée.

Pollice su per:

  • Cura del sonno. Per tutta la settimana precedente la rando sono andato a letto presto, garantendo al mio fisico almeno otto ore di sonno per notte. Ha funzionato bene, sono arrivato al via riposato e durante la notte in sella non ho avuto crisi.
  • Alimentazione. Ho cercato di mangiare il più naturale possibile, riservando gli integratori liquidi solo per la notte quando lo stomaco non voleva ricevere altro. Per il resto ho sfruttato molto il cibo offerto ai controlli cercando di rispettare l’ orologio biologico del mio corpo con pasti più sostanziosi a colazione/pranzo/cena. Il giorno prima di partire ho fatto un carico glicemico importante utilizzando un prodotto della ditta Sponser già provato in precedenza con ottimi risultati.
  • Bagaglio. Con me il minimo indispensabile: manicotti, gilet riflettente, antivento leggero manica lunga e maglia intima in lana merinos. Questo è tutto l’ extra che avevo con me oltre a gel e barrette, una piccola batteria aggiuntiva per ricaricare il Garmin e lenti degli occhiali trasparenti per la notte.
  • Gestione della fatica. Durante la prima giornata ho evitato di forzare percorrendo tutte le salite il più agile possibile, scelta dettata anche dal caldo pressante. La strategia ha pagato poi nella seconda giornata.
  • Meccanica. Nessuna foratura o guasto meccanico. Il cambio è stato messo a dura prova sulle colline toscane, ma nonostante questo non ha mai perso un colpo. SRAM top.
  • Compagnia. Negli anni ho imparato ad apprezzare uno dei punti cardine del randonneuring, l’ amicizia e il cameratismo che si assaporano a condividere con qualcuno la strada sono unici e impagabili. Alle rando non si è mai soli, nel micromondo dei randagi ci si conosce un po’ tutti ed è quindi facile trovare compagni di pedale lungo il percorso. Questa volta è toccato a Carmine Pagano, randagio di vecchia data con il quale ho fatto praticamente tutto il Grand Tour Terme d’ Etruria. Insieme le difficoltà si superano meglio, grazie Carmine!
  • Percorso. Meravigliosa Toscana, non ci avevo mai pedalato ma di sicuro ci ritornerò, un’ altra perla della nostra splendida Italia.
  • Organizzazione. La Bulletta non ha deluso le mie aspettative, tutto perfetto, dal road-book ai controlli, passando dai ristori alla location per il riposo notturno (gradito). Molto suggestive anche le terme della partenza. Chi organizza come me sa che lavoro c’ è dietro per fare tutto questo, grazie.

Pollice giù per:

  • Sella. Lasciata a casa la Brooks ne ho pagato le conseguenze. Ho montato una SMP probabilmente troppo stretta che mi ha causato un dolore marcato alle ossa ischiatiche tale che nella seconda giornata non riuscivo quasi a sedermi. Come conseguenza della posizione “di recupero” che dovevo tenere per alleviare un po’ il male caricavo molto di più le braccia e ad oggi (giovedì) ho ancora le mani informicolate.
  • Borsa. Ho scelto una piccola borsa Ortlieb da 2.7L al manubrio: molto stabile ma preferisco le Carradice sotto la sella. Il materiale usato sulle Carradice è cotone trattato, il che rende le borse particolarmente traspiranti. In più con lo stesso peso (550gr circa) ho una borsa da 8L.

Bene, adesso ho giusto il tempo di pulire la bici e preparare di nuovo le borse che sabato si va a Castelfranco Emilia per il 400!