Descrizione percorso Randonnée Dolomiti di Brenta

Ogni tanto me lo chiedo chi me lo fa fare di lanciarmi in certe avventure come ad es. organizzare una randonnée. Poi mi basta salire in sella, come oggi, una decina di chilometri e mi ritrovo immerso in un ambiente di montagna, aspro e selvaggio, e mi chiedo quante volte ho attraversato posti così durante tutte le randonnée che ho fatto in giro per l’ Italia. Poche. E allora mi dico che ho fatto bene, andrà come andrà chi avrà il coraggio di affrontare questo percorso non resterà deluso, ne sono certo.

La rivista Cicloturismo mi ha contattato di recente perchè volevano una breve descrizione del percorso che uscirà sul numero di Maggio, così ho pensato di pubblicarla anche qua, in anteprima per i miei lettori dato che non l’ avevo ancora fatto sul sito. Poche righe che spero invoglieranno qualcuno a venirmi a trovare, eccole.

La Randonnée delle Dolomiti di Brenta si svolge per la sua quasi totalità all’ interno del Parco Naturale Adamello Brenta, in un ambiente dove il ciclista vivrà un’ esperienza a stretto contatto con la natura. Per le caratteristiche del territorio attraversato si tratta di una manifestazione impegnativa, da non sottovalutare nonostante il chilometraggio “corto” per il mondo delle randonnée. Basta ricordarne il dislivello, che si attesta superiore ai 3500mt, alternando lunghe salite a strappi corti e impegnativi (18% di pendenza max in alcuni tratti). L’ autosufficienza sarà l’ ingrediente principale di questa randonnée, niente ristori lungo il percorso e nessuna frecciatura.

Il ciclista che si cimenterà in questa prova verrà ripagato ampiamente dalla bellezza del percorso; si partirà da Pietramurata, nel cuore della Valle del Sarca, che con le sue ripide pareti calcaree è diventata meta europea del free-climbing, per poi prendere quota rapidamente in direzione del lago di Molveno, dove il Gruppo di Brenta farà la sua prima comparsa da vicino. Un breve tuffo in Val di Non, con i suoi meleti a perdita d’ occhio, per poi entrare in Val di Sole che con la sua bellissima ciclabile ci porterà fino a Dimaro, ai piedi della scalata al Passo Campo Carlo Magno, 1681mt e cima Coppi di giornata. Scenderemo in Val Rendena, attraversando Madonna di Campiglio e Pinzolo, rinomate località turistiche, per poi inoltrarci di nuovo su strade poco frequentate fino a Stenico, con il suo castello a dominare tutto il Bleggio. Il Passo Ballino sarà l’ ultimo grande ostacolo di giornata, ma il lago di Tenno dalle acque turchesi e la splendida vista su tutto il lago di Garda che si potrà ammirare lungo la discesa, ripagheranno della fatica spesa fin qui.

Da Arco mancheranno solo 15km all’ arrivo, ma la Randonnée Dolomiti di Brenta avrà ancora da dire la sua: un piccolo sforzo per salire alle Marocche di Dro dove si potrà tirare un sospiro di sollievo con una bella planata sul lago di Cavedine, dove lo sguardo attento potrà ammirare i giganti del Brenta riflessi in un magico specchio d’ acqua e sentirsi soddisfatto di tutta quella strada superata solo con le proprie forze.

Al traguardo un sorriso ed una stretta di mano, una doccia ed un piatto di pasta, con la semplicità che contraddistingue il mondo Audax. E per chi lo vorrà (€ 10,00) anche una bella medaglia!