Randonnée delle Dolomiti di Brenta-200km ACP 2013

Sedici randagi DOC si sono ritrovati ieri per la seconda edizione della mia Randonnée delle Dolomiti di Brenta, sedici coraggiosi che hanno sfidato le previsioni meteo, ma la fortuna premia gli audaci, e così è stato. Una giornata variabile che ha visto alternarsi brevi pioggerelle e sole, con temperature che hanno oscillato dai 5/6° del Passo Campo Carlo Magno ai quasi 20° del nostro arrivo a Pietramurata. I presenti erano tutti comunque preparati al peggio, non ho visto nessuno partire “leggero”. Io avevo con me il kit da pioggia (giacca e pantaloni), più calze e guanti di ricambio ed una maglia intima invernale. 2kg di bagaglio che mi hanno fatto viaggiare più sicuro e pronto ad affrontare ogni eventualità.

Brenta_1

Dopo la distribuzione delle carte di viaggio presso il bar Movida che ci ha ospitati prima del via, siamo partiti tutti insieme restando più o meno uniti fino al primo controllo di Spormaggiore. Da li, dopo la tecnica e ripida discesa, una foratura di Andrea che viaggiava con me ci ha separati dal resto del gruppo; ripartire con le gambe fredde sulle rampe al 18% verso Sporminore è stata una sofferenza, per fortuna il tratto era breve! Il meteo non concedeva una tregua psicologica, e durante tutta la prima parte del percorso non sono mai riuscito a rilassarmi completamente; a Ponte Mostizzolo decidiamo di saltare la ciclabile (come avevo consigliato alla partenza in caso di pioggia) ed arriviamo a Dimaro asciutti grazie ad un vero e proprio corridoio di cielo azzurro sopra di noi. Le nuvole sul passo non promettono nulla di buono, tant’ è che a due chilometri dallo scollinamento inizia a piovere; 8° sul valico a 1680mt, il tempo di mangiare una fetta di torta al cioccolato e ripartiamo dal secondo controllo per la lunga discesa vestiti come in inverno!

brenta_2

A Pinzolo siamo di nuovo fermi, questa volta per svestirci, 16° adesso! (sul finire di giornata queste continue soste peseranno sul tempo totale impiegato per portare a termine il percorso, ben 1h 50′ col piede a terra); proseguiamo da qui con Giorgio, randagio trentino di Pergine Valsugana, e resteremo insieme fino all’ arrivo. Un breve temporale mentre attraversiamo la Val Rendena, poi il tempo va a migliorare, solo un po’ di vento contro; raggiungiamo il terzo controllo di Stenico alle 15:30, abbiamo ancora 50km da fare ma ormai posso rilassarmi. Sulla salita del Passo Ballino esce uno splendido sole che ci fa apprezzare ancora di più l’ altipiano di Fiavè ed i suoi prati verdissimi, davvero un luogo incantevole. A Tenno ci ricompattiamo, un timbro veloce e ripartiamo per la lunga discesa sulla “busa”; il vento alle spalle farà il resto, accompagnandoci fino a Pietramurata.

brenta_3

Arriviamo alle 17:45, più o meno come l’ anno scorso; al New Entry i randagi si stanno già gustando le tagliatelle al ragù. Tutti contenti e soddisfatti di aver portato a termine il 200 più duro del calendario italiano (a detta dei partecipanti).

Gli ultimi giungeranno al traguardo alle 19:45, tutti brevettati con successo per questa seconda edizione. Ora devo valutare come muovermi per l’ anno prossimo, probabilmente andrò già in ottica qualifiche PBP proponendo un 200 più facile; in ogni caso la Dolomiti di Brenta resterà come brevetto permanente. Vedremo, tutte le novità al riguardo verranno comunque pubblicate sul sito dei Trentino Randonneurs.

Un grazie a tutti i partecipanti per essere venuti e ci vediamo il 26 Maggio per il 300km delle Pale di San Martino.

Tutte le foto su Flickr e qui l’ elenco dei ciclisti omologati.

Giro del Brenta invernale

“Una futura randonnée di 200km”

L’ essere umano è abitudinario. Nel bene e nel male, ma si abitua a tutto. Per un randagio però, questa nostra peculiarità rischia di diventare pericolosa. Le distanze non sembrano mai troppo lunghe, le ore in sella non sono mai abbastanza, i metri di dislivello sempre troppo pochi. E anche questa volta ci sono caduto. Così mi è venuta la brillante idea di fare il giro delle Dolomiti di Brenta (un giretto da 200km e 3200mt di dislivello) a Febbraio, e l’ ho pagata. Risultato, una bella acciaccata con tanto di raffreddore e infiammazione ai bronchi. Ma passerà, passa tutto no?

Dopo una serata trascorsa in garage a preparare la Mercian (rimozione di parafanghi, portapacchi e, ahimè, luci) lunedì mattina alle 08:30 sono partito da solo per testare il percorso di quello che spero prima o poi (possibile 2012) organizzare come vero e proprio brevetto, il giro delle Dolomiti di Brenta. Quando esco la Valle del Sarca non è ancora stata raggiunta dal sole e il termometro si piazza sui 2° facendomi subito rimpiangere di avere lasciato a casa i guanti pesanti; da Arco raggiungo Dro e subito inizio a salire verso le Marocche (caotico ammasso di rovine calcaree risalente all’ epoca glaciale) per poi planare sul lago di Toblino e giungere a Sarche passando lungo una strada secondaria che attraversa coltivazioni di frutta e piccole frazioni. Sono passati circa 20km, alla rotatoria giro a sinistra verso Madonna di Campiglio sulla Statale 237 del Càffaro che si arrampica sulla costa rocciosa del Monte Casale, 1631mt. Purtroppo è una salita molto trafficata essendo la via di accesso più comoda delle Valli Giudicarie. Dopo 4/5 tornanti numerati si incontrano alcune brevi gallerie, e all’ imbocco della quarta devio a destra per la vecchia strada subito prima di entrare nel tunnel. Come spesso accade per le strade in disuso il panorama è qualcosa di strepitoso; la carreggiata è sospesa a picco sulla Gola del Limarò, una forra di 4km circondata da alte pareti rocciose, che purtroppo per me non prende quasi mai il sole e come risultato ne ottengo una ulteriore precipitazione della colonnina del termometro, 0°. Rientro sulla statale dopo un paio di chilometri, breve discesa e poco prima delle Terme di Comano giro a destra sul Ponte dei Serbi e ricomincio a salire verso San Lorenzo in Banale. Abbandono il rumore di fondo delle auto e mi arrampico alle pendici della costa meridionale della Cima di Ghez, che con i suoi 2713mt domina l’ abitato di S. Lorenzo, non prima però di aver approfittato di un bar aperto a Dorsino: sono già due ore che pedalo e il forte vento contro trovato in valle mi ha consumato più del previsto.

La Strada Statale 421 procede in salita fino a raggiungere il Lago di Molveno, 823mt, e lo percorre in tutta la sua lunghezza attorniata da maestose montagne, il Monte Gazza, 1990mt a est e i contrafforti del Brenta a ovest. 51km dopo la mia partenza (e, a percezione, quasi tutti di salita) raggiungo il primo valico di giornata, la Sella di Andalo, 1041mt, posta nella nota stazione sciistica con panorama sulla Paganella, 2124mt, e il Pizzo Gallino, 2442mt. Dopo una lunga e fredda discesa attraverso Spormaggiore e poco dopo sono a valle, catapultato sulla S.S. 43 della Val di Non per fortuna solo per pochi chilometri, data la sua alta frequentazione di mezzi a motore; un cartello indica in modo chiaro la svolta obbligata a destra per le biciclette e continua poi con il percorso a pedali consigliato per Cles, che io seguo. Bisogna risalire le morbide colline che ospitano chilometri di coltivazioni di frutta, perlopiù mele; fino a Flavon, 572mt, la strada prosegue in salita, e la mia media ne risente. E’ passato mezzogiorno e ho percorso a malapena 80km, mi accorgo che sono in ritardo sulla tabella di marcia. Dopo una breve discesa la strada risale ancora sempre tra i frutteti fino a Tuenno, 629mt, dove approfitto di una panchina al sole per mangiarmi un panino e rilassarmi qualche minuto.

Cles, 658mt, adagiata su un vasto pianoro, è il centro principale della valle; attraverso la piazza del paese dove sorge la chiesa dell’ Assunta risalente al XVI secolo, mi districo tra il traffico quotidiano ed inizio a scendere fino a Ponte Mostizzolo, 593mt, entrando in Val di Sole. Mi ricordavo della bella pista ciclabile, ma trovandosi sul lato ovest della valle è ancora chiusa per via della neve; sono costretto ad attraversare il torrente Noce (sul ponte eh!) e ad infilarmi sulla solare ma trafficata Statale 42 del Tonale e della Méndola. Ho sempre il vento contro ed i 15km che mi separano da Dimaro sembrano non finire mai. Supero Malè, 738mt, situata all’ incrocio con la Val di Rabbi, e oltrepassando di nuovo il Noce arrivo a destinazione.

Dimaro, 747mt, è il luogo di partenza della salita al Passo Campo Carlo Magno, 1681mt, che ben conosco; l’ ho già percorsa alcune volte e me la ricordo ostica, soprattutto nella prima parte. Ho solo 106km nelle gambe, ma mi sono costati parecchie energie e raggiungere Folgàrida è difficile; la salita è immersa in un fitto bosco di abeti, freddo e umido, salgo circondato dalla neve e ad ogni respiro sento i polmoni ghiacciarsi. Per fortuna l’ ultima parte di salita è più dolce e per merito dell’ inversione termica la temperatura si alza, e dopo 15km di battaglia svalico. Arrivare quassù è come togliersi un peso, psicologicamente adesso fino a casa è tutta discesa!

Il panorama è bellissimo, a est svetta imponente la Pietra Grande che con i suoi 2937mt è la cima più alta del settore settentrionale del Brenta, mentre  a ovest il massiccio della Presanella troneggia sul suo dèdalo di valli incastonate tra ghiacciai millenari. E’ tardi e la strada da fare è ancora tanta, ma non posso ripartire se non prima di aver fatto rifornimento di zuccheri: cappuccio bollente e mega fetta di torta in un bar dall’ aria deserta, anche gli sciatori sono già a casa.

Sono le 15:45 e mi restano ancora 80km e due ore a disposizione di luce. Quasi impossibile con ancora un passo da fare nel mezzo. Ma non riesco a non fermarmi per una foto, poco sotto Madonna di Campiglio lo sguardo è rapito dalla maestosità di queste cattedrali rocciose spruzzate di bianco: dal Doss del Sabbion alla Bocca di Brenta e al Passo Grostè, con le vette illuminate dal sole che sta calando come a metterle in primo piano. Uno spettacolo unico.

Da Pinzolo, 770mt, fino a Ponte Arche è una vera e propria cronometro, sfrutto al massimo la conoscenza delle strade per farcela nel più breve tempo possibile; aggiro sulla sinistra Tione passando sulla strada panoramica che sale verso Stenico, per poi abbandonarla nuovamente a Préore al costo di fare una brutta galleria, ma il tempo stringe. Sono le 17:00, ho già fatto 160km quando prendo le prime rampe che mi porteranno a Fiavè, 669mt, nella bella conca di Bleggio ed infine sul Passo Ballino, 750mt.

Non sò più che ore sono ma ormai non mi importa, è quasi fatta, mi butto in discesa mentre cala l’ oscurità, attraverso Tenno, poi Ville del Monte, mi faccio cullare dai tornanti mentre la busa giù in fondo si illumina pronta ad accogliere un’ altra notte, e penso che mi sarei perso questo momento se non fossi quello che sono, e ne vado fiero.

Su Flickr il set completo delle immagini.