Raduno Nazionale Audax Italia, 300km ACP, Bologna, 20/21 Luglio 2015

C’ è un’ aria particolare al brevetto scelto dal calendario come raduno della Nazionale Randonneurs, aria di festa, un po’ come l’ ultimo giorno di scuola prima delle vacanze estive. Tutti vogliono essere presenti, inoltre ARI consegnerà la maglia (gratuita!) a tutti quelli che con i brevetti qualificativi se la sono guadagnata, motivo in più per non mancare.

Certo che “Nazionale” è un gran parolone; onore farne parte e sicuramente anche motivo di stimolo a non sfigurare in terra Francese. Per fortuna il brevetto si svolgerà per buona parte durante la notte (partenza ore 22), perché viste le temperature della settimana non so se sarei partito di giorno (era anche prevista una distanza da 200km con partenza la domenica mattina, qualcuno l’ avrà fatta ma di sicuro sarà stata più dura del 300!). Il chilometraggio, l’ orario e la data in calendario sono perfetti per fare un’ ultima rifinitura prima della Parigi-Brest-Parigi; ad un mese circa dall’ Olimpiade del Cicloturismo un lungo ci sta più che bene per testare la forma fisica e i materiali, in più si passa tutta una notte in sella, croce e delizia del pedalatore di lungo raggio e mia in particolare.

IMG_4243Ma questa notte ha un sapore diverso per me, non c’ è più quel senso di timore solito che mi accompagnava prima di una prova del genere, la paura ha ceduto il passo a un sano senso di riverenza verso quello che è il banco di prova del vero randonneur. Complice una compagnia perfetta formata da un piccolo gruppo di randagi DOC sono riuscito ad assaporarne il senso: si pedalava spesso in silenzio ed in fila indiana ad un’ andatura più che regolare, consentendo alla mente di vagare distante.

Dopo il primo controllo, dove ancora qualcuno ci chiede cosa stiamo facendo, cala il silenzio, arriva la notte vera. Ognuno prende il suo ritmo, capisco che da qui in avanti non ci si fermerà, se non per riempire le borracce.

IMG_4244

A Marrani non si arriva mai, poi quando ci siamo scopro che c’ è anche da valicare sul Passo di Carnevale. E’ uno scherzo? No. In cima albeggia ed è fresco, poi per effetto dell’ inversione termica a valle si gela. Ma c’ è il controllo con il suo bombolone caldo. Non ora però, perchè bisogna risalire per altri dieci chilometri. Il Valico del Paretaio ha rischiato di seppellirmi, se non fosse stato per il Prof (vecchia conoscenza randagia) sarei ancora li a dormire sui suoi tornanti.

IMG_4251

Dopo un passaggio stupendo a Castel del Rio sul Ponte degli Alidosi c’ è l’ ultima salita di giornata, quella di Sassoleone; il gruppo si è sparpagliato, ci penserà l’ ultima sosta a ricompattarci. Una bella piada al prosciutto (praticamente la colazione visto che sono le otto del mattino) e ci tuffiamo lungo la via Emilia. Sembra che qualcuno abbia acceso un foen da tanto l’ aria è calda. Alle 11:00 circa sono di nuovo a Bologna, giusto il tempo di provare a rinfrescarmi un attimo e dopo i saluti me ne torno a casa che la famiglia mi aspetta per un pomeriggio al lago 😉

IMG_4252

Rescarando, 300km randonnée ACP

IMG_1651

Domenica scorsa si è svolta la terza edizione della Rescarando (qui la mia partecipazione del 2011) a cui mi ero iscritto già da tempo. Speravo di arrivarci con almeno una distanza da 200km nelle gambe, ma i soliti impegni quotidiani mi hanno impedito di fare una preparazione classica “a scalini”; così sabato sera ho le solite preoccupazioni prima di addormentarmi nel mio furgone. Il sonno è breve e disturbato, tre/quattro ore prima che la sveglia suoni. Il ritrovo è a partire dalle cinque della mattina, e quando mi sveglio c’ è già un discreto numero di randonneurs al ritiro dei documenti; meno però di due anni fa, le previsioni meteo non proprio buone hanno un po’ limato il numero dei partenti, in 137 prenderanno il via per i 300km.

E’ bello ritrovare alla partenza facce amiche che non vedevo da tanto tempo anche solo per un saluto (tra una cosa e l’ altra mancavo da una manifestazione ufficiale-Dolomiti di Brenta a parte-da più di un anno), e ancora più bello condividere il percorso con qualcuno: oggi io, Umberto (che mi ha accompagnato durante il viaggio) e Lorenzo viaggeremo insieme. C’ è anche Gianluca del nostro team, che però parte con un passo diverso e ci sentiremo per telefono solo una volta arrivati.

IMG_1655

Il primo quesito è cosa mettersi addosso. Aprile non ti scoprire, perciò parto con pantaloni lunghi, tre strati di lana merinos sopra (intimo manica corta+intimo manica lunga+maglia da bici lunga) che garantiranno un discreto riparo dall’ aria lasciando respirare la pelle: nella borsa Carradice sotto la sella copripantaloni, giacca, calze e guanti di scorta.

Non passano neanche 20km che inizia a piovere, così tanto da costringerci subito a fermarci: troviamo riparo per vestirci e come noi tanti altri. Purtroppo pedalare tutti bardati con questi continui saliscendi non è piacevole; già m’ immagino come sarà lunga questa giornata. Ma per fortuna la pioggia dura poco e dopo mezz’ oretta circa smette del tutto. Altra sosta, questa volta per spogliarsi! Per fortuna.

Alle 09:30 arriviamo al primo controllo, situato sulla sponda del Lago Maggiore: c’ è un bel ristoro, mi bevo un thè caldo con due fette di crostata e poi ripartiamo senza perdere troppo tempo.

IMG_1654

Inizia la seconda parte della randonnée, di sicuro la più bella, il percorso si inoltra in zone poco battute, piccole stradine che attraversando boschi e zone rurali ci portano dal Lago Maggiore al Lago d’ Orta. Per strada una bella sorpresa, incontriamo Andrea che abita da queste parti, amico randagio che sapeva del nostro passaggio, ci accompagnerà per un centinaio di chilometri facendoci da cicerone. Bellissima la strada dopo Gignese che passa in una valle dimenticata da tutti: ci imbattiamo anche in una caratteristica fiera di animali.

IMG_1661

IMG_1666Il controllo di Cesara è una vera e propria ancora di salvezza, un piccolo momento di sosta prima di affrontare gli ultimi 8km di salita che ci porteranno alla Colma, cima Coppi di giornata. Qui Andrea ci saluta e ritorna verso casa, noi scendiamo dall’ altro versante e formando un bel gruppetto ci avviciniamo all’ ultimo controllo a Cressa, km233.

La parte finale scorre via veloce, stiamo tutti bene ed è uscito anche un bel sole; le difficoltà sono alle nostre spalle, non resta altro che goderci questi ultimi chilometri. Arriviamo a Rescaldina alle 19:00 con più di 290km per 3000mt  di dislivello (migliorando di quindici minuti il tempo del 2011!). Doccia, pasta e si torna a casa.

IMG_1678

Una piccola nota alla mia Mercian che nonostante l’ assetto completamente stravolto (gruppo/sella/nastro/pedali/ruote nuovi) e senza avere avuto il tempo di provarla prima, ha svolto egregiamente il suo lavoro, come sempre d’ altronde!

La Rescarando resta una randonnée di quelle da non perdere, un bel percorso, frecciatura e roadbook perfetti, controlli con ristoro, colazione e pasta party, gadget e premi ad estrazione. Grazie jimmy per questa bella manifestazione e grazie agli amici che mi hanno accompagnato in questo viaggio, i Trentino Randonneurs hanno risposto all’ appello, adesso vi aspettiamo a Pietramurata 😉

Ricognizione 300km del Passo Rolle_2

Entusiasta. Ecco come mi sento mentre attraverso la Valle del Sarca tornando a casa seduto nel mio furgone. Ho le gambe distrutte, 230km in bicicletta (12 ore in giro, tra una cosa e l’ altra!) di questo periodo di “non forma” dove più che il tragitto casa-lavoro non sto facendo mi hanno svuotato.

Dopo un paio di mesi dalla prima ricognizione sono tornato sulle strade della randonnée di 300km che organizzerò il prossimo anno. Il percorso iniziale era venuto troppo duro, necessitava di qualche ritocco per renderlo più alla portata di tutti (me compreso!), e così è stato. Il brevetto così concepito si sviluppa attorno ad un solo grande “ostacolo”, il Passo Rolle, che funge anche da ipotetico giro di boa, sfruttando per buona parte dell’ itinerario le splendide piste ciclabili del Trentino: ci saranno momenti di grande fatica, come la scalata al passo lunga ma costante, ed ampi spazi di respiro dove la bellezza dei luoghi attraversati non renderà mai monotono il viaggio.

Ho deciso di allungare il più possibile la tratta della Valsugana, la mattina c’ è sempre il vento a favore e il percorso è in leggera discesa, una ciclabile lineare e senza intoppi. Credo di aver individuato anche il primo punto di controllo che sarà al Bicigrill di Tezze. Da Primolano si sale dalla strada delle Scale, per sbucare sulla S.S. 50 del Grappa e Passo Rolle poco dopo Fonzaso. La mia paura era per alcune lunghe gallerie nella prima parte della statale, ma per fortuna le peggiori sono tutte evitabili sulla vecchia strada che passa sul lato sinistro (stanno realizzando il tratto di collegamento ciclabile del Primiero che sfrutta proprio questi vecchi tronconi di strada, ma non so quando verrà completato, la data di fine lavori indicata era per Ottobre 2012 ma ne dubito). Si risale tutta la valle, molto stretta e con alcuni passaggi spettacolari, fino a Fiera di Primiero da dove inizia la scalata vera e propria del Passo Rolle, 1984 m. s.l.m.. Lunga discesa attraverso la foresta di Panevéggio fino a raggiungere Predazzo, dove ho fatto la bella scoperta della ciclabile della Val di Fiemme. La si imbocca appena entrati in paese e con circa 20km di leggera discesa porta dritti a Molina di Fiemme attraverso verdi prati curati e piccole frazioni, con un profumo di legna inebriante proveniente dalle varie falegnamerie che qui non mancano.

La parte finale del percorso è ancora in fase di studio, in linea di massima però si scenderà in valle dell’ Adige attraverso la Val di Cembra, per poi rientrare lungo la pista ciclabile fino a Trento, Rovereto e poi Mori, il facile Passo San Giovanni, 287 m. s.l.m.,  Arco ed infine Pietramurata, luogo di partenza.

Insomma, non esserci sarebbe un peccato. Vi lascio con una citazione ed alcune foto scattate ieri.

Andare più lontano quando altri vanno più veloci…In un universo ossessionato dalla perdita di tempo, il ciclonauta è un gladiatore moderno che affronta il mondo a mani nude, su scala umana, e che ritorna alle origini dello sport: la lotta contro se stessi.

Claude Marthaler, Lo Zen e l’ arte di andare in bicicletta.

Rescarando, 300km randonnée ACP

L’ effetto PBP si sente, eccome. Così non c’ è da stupirsi se domenica mattina al via della Rescarando eravamo in più di 200 nonostante le previsioni meteo fossero sfavorevoli. Il fenomeno randonnée è in piena crescita e questo non può che far bene al movimento.

La partenza era fissata per le 06:00 della mattina, classico orario per questa distanza che da sempre mi costringe a recarmi sul posto la sera prima con conseguente sonno (breve) nel furgone. Anche per questo giro ad accompagnarmi c’ è Michele che parte con me da Arco e Lorenzo che incontreremo alla partenza, si ripropone così il team Trentino già collaudato alla Randolario il mese scorso.

Al ritrovo ci sono tutti i soliti sospetti del circuito rando ma anche tanti volti nuovi, molti dei quali alla prima esperienza su questa distanza. E’ bello guardarsi in giro e vedere le varie differenze di “assetto” scelte dai randagi, si va da quelli super carichi con tutto l’ occorrente a gente che viaggia in calzoncini corti e gilet antivento (ma se poi piove?), tasche vuote e bici da 7kg. Io ho optato per stare leggero, solo la mia Carradice Zipped Roll da un paio di litri di capienza con all’ interno i copripantaloni della Gore e i calzini impermeabili, più il necessaire per le forature, un attrezzino con smagliacatena e un paio di panini.

Alle sei in punto, dopo un breve discorso tenuto da Fermo Rigamonti, presidente dell’ Audax Italia, è iniziata la procedura di timbro del cartellino di viaggio, eseguita in maniera rapida ed efficiente dal numeroso personale dello staff organizzativo. Pochi minuti e siamo in strada, il buio ci accompagnerà per un’ oretta abbondante causa passaggio all’ ora legale proprio questa notte. Alla partenza ritrovo anche Andrea e ne approfittiamo per fare qualche chilometro insieme, ma i ritmi sono diversi e dopo un po’ sparisce con il gruppetto mentre io rientro sui miei ritmi e tiro un po’ il fiato, la giornata è lunga e iniziare a soffrire già adesso non mi sembra il caso.

Il percorso è interamente frecciato in maniera scrupolosa, ogni svolta, incrocio o rotonda sono segnati prima e dopo, impossibile sbagliare, il road-book (ben fatto, ma mancavano distanza parziale e altimetria) è rimasto quasi inutilizzato: un grosso aiuto che però vizia il randagio. Non sono contro la frecciatura (se ce ne fosse stata una quella stramaledetta ultima notte alla LEL forse non avrei vagato per due ore tra le campagne inglesi) ma il doversi arrangiare fa parte del gioco, e anche se si perde un po’ di tempo per trovare il percorso che male c’ è? Certo, se uno vuole “fare il tempo” così ha tutti gli strumenti per farlo, ma si può farne a meno. E poi trovo molto più divertente e vario il dover controllare di continuo quello che mi aspetta su un foglio di carta piuttosto che attendere impassivo e a testa bassa l’ arrivo della prossima freccia. Troppo nostalgico? Forse.

Dopo poco più di tre ore e con in mezzo la facile salita a Marchirolo, arriviamo al primo controllo (ufficiale, avendone già passato uno segreto da timbro e via), Castel Veccana, km84.5, dove ci aspetta un gradito ristoro del quale però non approfitto, le tasche sono ancora piene di viveri, giusto due fette di crostata e ripartiamo in un continuo vai e vieni di randagi. Si scende verso sud costeggiando lo splendido lago Maggiore per tutta la sua lunghezza, prima di piegare  a destra verso un altro lago, quello d’ Orta, di cui faremo il giro completo. Il percorso è un continuo saliscendi e i metri di dislivello si accumulano lentamente sul mio ciclocomputer senza sosta; proprio su di una discesa la sfortuna viene a bussare alla mia porta quando sento il classico sibilo della foratura. Riesco a fermarmi in tempo senza cadere, Michele e Lorenzo tornano indietro prontamente e aspettano questo pit-stop forzato che si risolve in meno di dieci minuti.

Ore 13:30, siamo al secondo controllo, Gozzano, km 172. Nel frattempo abbiamo ripreso il gruppo dove pedala anche Aldo a bordo della sua bici d’ epoca targata 1959: un mezzo del Corpo Militare Svizzero d’ ordinanza, un solo rapporto e un peso superiore ai 20kg! Bravo Aldo per avercela fatta, 300km così non devono essere stati facili. Anche qui troviamo un ricco ristoro, mi  abbuffo di pane/nutella/formaggio grana (in ordine sparso!) prima di riprendere il largo.

Ci avviciniamo al fiume Sesia attraversando la zona delle Colline Novaresi, il nostro team è compatto e i chilometri scorrono via veloci ma non troppo, quella giusta misura che concede lo spazio al buon osservatore di cogliere tutto quello che il paesaggio ha da offire, come lo splendido Santuario del Crocefisso di Boca, una costruzione di rara imponenza, che spunta davanti a noi come per magia sulla cima di una collina.

Passa abbastanza indolore anche l’ ultima salita, la Sella di Curino, ed in breve raggiungiamo il terzo ed ultimo controllo, situato in un bar di Roasio al km 222; sono quasi le quattro del pomeriggio e il cielo che fino ad ora aveva tenuto inizia a scaricare una leggera pioggerella. Niente da mangiare al bar, i randagi passati si sono spazzolati tutto, ma il buon Michele ha una borsa piena di viveri ed il ristoro lo organizziamo noi! Dopo alcuni chilometri dalla nostra ripartenza siamo costretti a fermarci, la pioggia sta aumentando, bisogna coprirsi. Sarà l’ ultima sosta, giusto il tempo di mettere i copripantaloni, i miei mitici calzini impermeabili e via, per l’ ultima parte del percorso, purtroppo la meno bella: la pioggia intensa e il forte traffico hanno spesso reso pericoloso il nostro tragitto, ma d’ altronde su 300km qualche tratto ad alto scorrimento ce lo dovevamo aspettare.

Arriviamo a Rescaldina poco dopo le 19:00, giusto per cena! Doccia bollente e poi seduti a tavola a divorare due piatti di pasta, anche questa è fatta, ne mancano due per qualificarsi alla PBP. Grazie ai miei compagni di viaggio, Michele e Lorenzo, che hanno reso più divertente questa giornata e all’ organizzatore Jimmy Vignati che ha tirato su una randonnée impeccabile alla sua prima edizione con un percorso ad hoc.

Il set completo delle foto su Flickr.