Pro e contro del mio Grand Tour Terme d’ Etruria, 600km ACP

IMG_4062

Non facevo un brevetto da 600km dal 2011, ma nonostante questo la qualifica più impegnativa per la prossima Parigi-Brest-Parigi è archiviata con successo.

Prima di procedere con il racconto vero e proprio di questa rando approfitto del poco tempo a disposizione questa settimana per fare una breve auto-analisi su cosa ha funzionato e cosa no nella preparazione/gestione della randonnée.

Pollice su per:

  • Cura del sonno. Per tutta la settimana precedente la rando sono andato a letto presto, garantendo al mio fisico almeno otto ore di sonno per notte. Ha funzionato bene, sono arrivato al via riposato e durante la notte in sella non ho avuto crisi.
  • Alimentazione. Ho cercato di mangiare il più naturale possibile, riservando gli integratori liquidi solo per la notte quando lo stomaco non voleva ricevere altro. Per il resto ho sfruttato molto il cibo offerto ai controlli cercando di rispettare l’ orologio biologico del mio corpo con pasti più sostanziosi a colazione/pranzo/cena. Il giorno prima di partire ho fatto un carico glicemico importante utilizzando un prodotto della ditta Sponser già provato in precedenza con ottimi risultati.
  • Bagaglio. Con me il minimo indispensabile: manicotti, gilet riflettente, antivento leggero manica lunga e maglia intima in lana merinos. Questo è tutto l’ extra che avevo con me oltre a gel e barrette, una piccola batteria aggiuntiva per ricaricare il Garmin e lenti degli occhiali trasparenti per la notte.
  • Gestione della fatica. Durante la prima giornata ho evitato di forzare percorrendo tutte le salite il più agile possibile, scelta dettata anche dal caldo pressante. La strategia ha pagato poi nella seconda giornata.
  • Meccanica. Nessuna foratura o guasto meccanico. Il cambio è stato messo a dura prova sulle colline toscane, ma nonostante questo non ha mai perso un colpo. SRAM top.
  • Compagnia. Negli anni ho imparato ad apprezzare uno dei punti cardine del randonneuring, l’ amicizia e il cameratismo che si assaporano a condividere con qualcuno la strada sono unici e impagabili. Alle rando non si è mai soli, nel micromondo dei randagi ci si conosce un po’ tutti ed è quindi facile trovare compagni di pedale lungo il percorso. Questa volta è toccato a Carmine Pagano, randagio di vecchia data con il quale ho fatto praticamente tutto il Grand Tour Terme d’ Etruria. Insieme le difficoltà si superano meglio, grazie Carmine!
  • Percorso. Meravigliosa Toscana, non ci avevo mai pedalato ma di sicuro ci ritornerò, un’ altra perla della nostra splendida Italia.
  • Organizzazione. La Bulletta non ha deluso le mie aspettative, tutto perfetto, dal road-book ai controlli, passando dai ristori alla location per il riposo notturno (gradito). Molto suggestive anche le terme della partenza. Chi organizza come me sa che lavoro c’ è dietro per fare tutto questo, grazie.

Pollice giù per:

  • Sella. Lasciata a casa la Brooks ne ho pagato le conseguenze. Ho montato una SMP probabilmente troppo stretta che mi ha causato un dolore marcato alle ossa ischiatiche tale che nella seconda giornata non riuscivo quasi a sedermi. Come conseguenza della posizione “di recupero” che dovevo tenere per alleviare un po’ il male caricavo molto di più le braccia e ad oggi (giovedì) ho ancora le mani informicolate.
  • Borsa. Ho scelto una piccola borsa Ortlieb da 2.7L al manubrio: molto stabile ma preferisco le Carradice sotto la sella. Il materiale usato sulle Carradice è cotone trattato, il che rende le borse particolarmente traspiranti. In più con lo stesso peso (550gr circa) ho una borsa da 8L.

Bene, adesso ho giusto il tempo di pulire la bici e preparare di nuovo le borse che sabato si va a Castelfranco Emilia per il 400!

Randonnée Tre Valli Nerviano, 300km ACP

Seconda qualifica per la PBP, la distanza dei 300km è una di quelle che preferisco nel panorama Audax; ti permette di passare un’ intera giornata in sella, solitamente dal’ alba al tramonto, arrivando alla fine con quel bel senso di stanchezza (ma non spossatezza) che 12 ore in sella lasciano sul fisico.

IMG_3882

Questa rando mi è costata quasi come una granfondo come “iscrizione”, complice una multa per sorpasso beccata a Salò nel viaggio del sabato notte verso Nerviano. Per fortuna sono incappato in un comandante magnanimo, quindi niente punti in meno per me. Arrivo a Nerviano poco dopo la mezzanotte, giusto il tempo di preparare il letto sul furgone e mi fiondo in un sonno breve e tribolato: ho portato il sacco a pelo leggero e ne pagherò le conseguenze.

Alle 05:15 suona la sveglia, tiro giù la bici e vado subito a prendere i documenti per evitare code. Abbiamo una specie di badge elettronico da far timbrare ai controlli invece della solita carta gialla (che verrà consegnata alla fine): non apprezzo molto, avrei preferito avere tutte e due con me. Sono d’ accordo sulla velocità di “timbratura” del badge (la coda in partenza sarà minima) ma così non ho la possibilità di verificare se il mio passaggio è andato a buon fine. Inoltre sulla carta gialla (che si chiama carte de route, o carta di viaggio, non di arrivo!) sono presenti i controlli con gli orari di passaggio previsti, cosa che ritengo utile, soprattutto a chi, come è successo a me, gli vola via il roadbook dal manubrio pochi km dopo il via 😉

IMG_3878

Nerviano, culla del randagismo italiano dice qualcuno. Io non lo so se è vero, ma sta di fatto che qui si rivedono sempre un sacco di amici, persone con le quali si sono spesso condivisi momenti di vita randagia, che siano stati brevi tratti o intere randonnée. Volti legati a bei ricordi e emozioni intense. E’ il bello di questo ambiente, ci si conosce, le facce sono sempre quelle ed è difficile pedalare da soli anche se non ci si è organizzati prima con qualcuno. E soprattutto è la strada che decide, ed è giusto così. I gruppetti vanno e vengono, si fanno e si disfano a seconda di come ci si sente e dell’ andatura che si vuole tenere.

IMG_3879

Sarebbe stata una giornata perfetta, complice il mio stato di forma fisica e mentale, se non avessi assistito ad un brutto incidente. Ignoranza e inciviltà alle volte superano la soglia. Più o meno è andata così: due ciclisti procedono affiancati, strada larga e poco traffico. Un furgone sorpassa nei pressi di una curva e fa il pelo al ciclista di sx, il quale alza il braccio stizzito. Segue diverbio verbale attraverso il finestrino aperto mentre procediamo pedalando. Ad un certo punto però l’ ignorante alla guida del furgone decide che è troppo per lui, si sente offeso il poverino da un anziano ciclista “eroico” che alla fine non ha gli stessi suoi diritti sulla strada no? E’ lui che sta in macchina il padrone del bitume, è sua la carreggiata. Così il maschio dominante sentitosi offeso nel profondo (a bordo con lui moglie e figlia piccola) decide che è troppo per le sue orecchie e INVESTE DI PROPOSITO IL CICLISTA dirigendo il furgone contro di lui. Il ciclista impatta violentemente sul portellone posteriore, per fortuna senza esiti gravi (non per la sua bici, una bella bianchi d’ epoca che non vedrà più la strada, telaio praticamente rotto in due). Ma come poteva andare? Molto peggio, e il pensiero non mi ha abbandonato tutto il giorno. Ovviamente l’ autista voleva avere ragione una volta sceso dal mezzo, incredibile.

Il brevetto nel suo insieme è andato molto bene, mi sono sempre gestito e alimentato correttamente senza avere crisi di fame. Ottima l’ organizzazione e la partecipazione (circa 500 ciclisti su tre distanze, 130-200-300km); il percorso era interamente frecciato a terra e tutti e tre i controlli erano con ristoro. Belli i luoghi attraversati, purtroppo quando sono in zone che non conosco tendo a perdere un po’ il senso dell’ orientamento, quindi fatico un po’ a descrivere con precisione i posti. Tra gli highlights del percorso sicuramente il Pianbosco, tutte le salite (impegnative!), il terzo controllo con una vista spettacolare sul lago d’ Orta e la bonus track segreta nel finale per evitare la trafficatissima SS del Sempione (grazie Paolo!).

IMG_3887

Finisco senza tribolazioni in meno di 13 ore, record personale sulla distanza nonostante il dislivello impegnativo. Una botta di morale che mi proietta positivamente già a Lugo per il 400.

Randonnée delle acque (e del vento!), 200km ACP

Nonostante avessi già in tasca la qualifica di 200km per la Parigi-Brest-Parigi guadagnata con il Solstizio d’ Inverno, per dare un minimo di continuità alla preparazione e per evitare di saltare direttamente a 300km mi sono concesso una domenica libera da passare sui pedali. Le alternative erano due: il brevetto di Bergamo organizzato dal Team Testa o quello di Oderzo organizzato da Randosauro. Nonostante fossi più propenso a quello di Bergamo per vicinanza e percorso che ritenevo più interessante (ma su questo mi sbagliavo), alla fine le previsioni di pioggia per la zona di nord-ovest mi hanno fatto ripiegare sul Veneto. E poi a dirla tutta l’ idea di arrivare al mare in bici mi attirava.

Dopo una notte praticamente insonne (il piccolo rovescio della medaglia dell’ essere diventatò papà per la seconda volta!) alle 05:00 parto con il mio furgone in direzione Piavon di Oderzo. Mi aspettano due ore e mezza di viaggio durante il quale ne approfitterò per fare un’ abbondante colazione al volante a base di cereali/muesli/succo d’ arancia preparati a priori.

Alle 07:30 sono a destinazione in perfetta tabella di marcia. Parcheggio e vado a ritirare i documenti; c’ è una bella ressa, mi metto in coda tranquillo e aspetto il mio turno. La partenza è come sempre alla francese, dalle 08:00 alle 09:00, e tra una chiacchera e l’ altra con i vari randagi presenti si fanno le 08:45 prima che riesca a partire anch’ io. Come sempre mi metto in marcia da solo, regola n° 1 di oggi non forzare, d’ altronde è dal Solstizio che non mi faccio un lungo serio e 200km sono sempre 200km anche se pianeggianti.

Oggi prove tecniche col GPS, anche se non ho quello cartografico il mio Garmin 510 mi fa comunque vedere la traccia caricata e risulterà comodo più volte nell’ arco della giornata per darmi conferma di non essere fuori rotta. Ho anche il road-book ben fissato al manubrio nonostante il percorso sia completamente frecciato a terra.

Dopo i primi chilometri mi levo lo spolverino e non lo rimetterò più, la giornata è perfetta per pedalare, con il passare dei minuti la temperatura aumenta fino a raggiungere i 13/14°. Sono vestito ancora semi-invernale, ma la scelta è stata azzeccata: pantalone lungo, maglia intima merinos m/corta più maglia m/lunga antivento, calze media pesantezza, guanti/berretto/scaldacollo/copriscarpe tutti intermedi.

Randonnée 200km delle acque 15-03-2015 001

Avrebbero anche potuto chiamarla randonnée del vento, e il fatto mi preoccupa parecchio. I primi 50km saranno i più duri di tutto il percorso: arrivare a Caorle mi costerà molte energie. Le mie caratteristiche fisiche mi fanno sempre soffrire parecchio col vento, nonostante ci sia abituato. Comunque vedere il mare mi tira sù il morale, mi fermo per fare uno scatto e mangiare qualcosa.

Randonnée 200km delle acque 15-03-2015 002

Poco dopo incontro il primo controllo segreto: ad aspettarci l’ organizzatore preso d’ assalto per un timbro. C’ è anche qualcosa da mangiare, ne approfitto per prendere un panino al formaggio che mangerò poco dopo. Soste brevi ai controlli, altra regola per non perdere troppo tempo.

Randonnée 200km delle acque 15-03-2015 005

Trenta chilometri circa e c’ è un altro controllo, il secondo e sempre segreto. Anche qui un bel ristoro, ad aspettare i randagi due persone dello staff e un ricco buffet. Saranno gli zuccheri presi, sarà che finalmente il percorso gira nella direzione del vento, ma quando riparto macino chilometri che è un piacere. Le strade sono sempre a basso scorrimento veicolare, e tra un’ occhiata al road-book ed una al panorama non mi annoio di certo. Navigo sulla mia bici d’ acciaio su terreni inesplorati, tra corsi d’ acqua e campi coltivati, pianure desolate e orizzonti lontani, alla scoperta del “far east” italiano.

A S. Vito al Tagliamento siamo già in Friuli da una ventina di chilometri; c’ è un controllo alla stazione dei treni, idea geniale a cui non avevo mai pensato. Si fa timbrare un cartoncino alle macchinette della stazione a riprova del proprio passaggio.

Randonnée 200km delle acque 15-03-2015 008

Sono le 13:30, 122km fatti, ne restano 80. Quando riparto vengo raggiunto da Enrico e Noemi, una coppia di ragazzi alla loro prima esperienza rando che già conosco bene. Mi faranno compagnia fino al traguardo di Piavon, facendo volare via gli ultimi chilometri senza fatica (tirava sempre Enrico!).

Randonnée 200km delle acque 15-03-2015 009

Alle 16:45 siamo a destinazione, 8 ore in sella, ho male un po’ ovunque ma sono soddisfatto di come è andata la giornata. Salto il pasta-party affollato e mi dirigo in fretta a casa che la family mi aspetta. 500km di macchina tra andata e ritorno per farne 200 in bici ma ne è valsa la pena. Gran bel giro, belle strade e bel tempo soprattutto, da rifare. E anche ottima organizzazione quella di ASD Randosauro, nonostante un po’ di caos alla partenza mi stupisco sempre di cosa gli organizzatori riescano a tirare fuori dal cilindro con una quota d’ iscrizione di €10,00. W le randonnée.

Ora la testa vola già ad Aprile al 300km, tempo di provare nuovi assetti…

Randonnée del Solstizio d’ Inverno III, 20-12-2014

E’ sera quando esco sul balcone per andare a buttare le immondizie. Il freddo mi fa stringere la testa tra le spalle e mentre mi chiudo addosso il piumino penso che non avrei proprio voglia di uscire in bicicletta. Per una notte intera poi….

E invece anche quest’ anno l’ ho fatto. Sabato sera, nella notte tra il 20 e il 21 Dicembre, insieme ad oltre cento randagi del pedale ho concluso la mia terza randonnée del Solstizio d’ Inverno.

Devo ammettere che organizzare il tutto mi ha preso parecchio tempo ed energie, ma la soddisfazione di vedere in un sabato sera d’ inverno (ok, era ancora autunno in effetti) la piazza centrale di Arco gremita di ciclisti mi ha ricaricato di energie. Ma soprattutto mi ha dato la forza necessaria a percorrere i 200km, distanza che dopo l’ incidente non avevo più affrontato, neanche di giorno.

Il tutto non sarebbe stato possibile senza l’ aiuto di alcune persone: la Vale, che insieme a suo fratello Emiliano ed alla sua compagna Mabel hanno distribuito le carte gialle prima del via. E Fabio Leoni, boss del Vertical che appena chiuso il negozio a Pietramurata si è precipitato giù ad Arco e ha fatto partire tutti i ciclisti timbrando le carte gialle. Grazie. E un grazie va anche a Pio e Andrea del bar Conti, senza il loro appoggio non avrei potuto realizzare il Solstizio.

Ad essere sincero non ero troppo sereno prima del via, oltre alle solite paure che un giro invernale di 200km in notturna può causare, si sono aggiunte quelle di organizzatore, il peso di essere responsabile per oltre 100 persone mi ha stressato giusto un attimo, ma alla fine tutto è filato liscio.

La mia rando è andata bene nel complesso e soprattutto la clavicola non mi ha dato problemi. Alla fine avevo male ovunque tranne che alla spalla! La prima parte è volata, insieme a Gabriele e Rinaldo abbiamo macinato la Valle del Sarca più in fretta del previsto e con l’ aiuto del Föhn alle spalle siamo arrivati velocemente a Peschiera. Qualche problema di stomaco non mi ha permesso di alimentarmi come dovuto e sul basso lago ne ho pagato le conseguenze. Per fortuna è in questi casi che viene fuori l’ esperienza. Le randonnée ti insegnano che le crisi vanno e vengono, l’ unico rimedio è salire in sella e pedalare. Così mi rimetto in marcia dal Mc Donalds da solo, al mio passo, lento. C’ è una fitta nebbiolina, di quella che bagna e il freddo entra un po’ nelle ossa. Faccio girare le gambe in agilità senza guardare il contachilometri fino a Salò. Pausa alla Fonte Tavina per riempire la borraccia dove vengo raggiunto da Rinaldo che si era attardato al controllo di Peschiera. Resteremo insieme fino all’ arrivo.

La gardesana ci regala un bel momento, il cielo stellato e il panorama di luci colorate sull’ altro versante del lago racchiudono il segreto della bellezza di questa rando. La solitudine di una notte d’ inverno, il freddo che ovatta, il cielo limpido, la magia del Natale, insomma se prima mi chiedevo chi me lo facesse fare, adesso ho la risposta. In questo momento non vorrei essere in nessun altro posto.

Da Limone in avanti il vento chiede il conto. Ora la fatica è tanta e si sente, la pedalata pesante, le gambe non girano, ma Riva del Garda è li a portata di mano e poi mancheranno solo 5km prima di potersi rilassare al caldo con un cappuccio bollente raccontandosi l’ avventura vissuta.

Alle 05:00 siamo a destinazione, il bar gremito di ciclisti contenti, stanchi ma soddisfatti per aver comunque concluso una prova fuori del comune, fisica e mentale. Aspetto che arrivino tutti, poi raccolgo le mie cose e vado a casa in bici a godermi una dormita mattutina. E’ fatta, il Solstizio 2014 va in archivio e con lui la prima qualifica della Parigi-Brest-Parigi.

Grazie a tutti gli amici randagi che hanno partecipato, iscritti e non. E’ stato bello anche quest’ anno.

Solstizio_1

Altre foto qui.

Calendario brevetti 2015

Sul sito ARI è stato pubblicato da poco il calendario brevetti 2015 qui sotto riportato.

Calendario brevetti randonnée 2015 ACP/ARI

Interessante vedere l’ evoluzione delle randonnée in Italia dal 1998 ad oggi, e un po’ mi ha fatto piacere di farne parte dal lontano 2000 quando i brevettati furono solo 225!

I vostri progetti 2015? E’ tempo di pianificare….qualifiche PBP o no 😉

Evoluzione randonnée

Randonnée del Solstizio d’ Inverno II, 21-12-2013

La Randonnée del Solstizio d’ Inverno è nata quasi per gioco lo scorso anno dopo che avevo visto un video su Vimeo. Giro di mail e ci ritroviamo in otto alla partenza. Solo in sei concluderanno la prova ed io sono tra i due che non ce la fanno.

L’ esperienza mi fa capire che la prova è fattibile, così quest’ anno decido di chiedere l’ omologazione ACP e la ottengo. Mi aspetto così una ventina di partecipanti, a ben sperare trenta. Poi arriva la mail di Fulvio (Gambaro) e il relativo inserimento nel calendario del Ciclofachiro e le iscrizioni aumentano. Alla fine circa sessanta ciclisti concluderanno la prova (tra iscritti ufficiali e non) un numero esagerato considerando il periodo e soprattutto le previsioni meteo non proprio favorevoli. Per me un traguardo personale, ma soprattutto uno stimolo enorme a continuare in quello che faccio, come lo faccio.

Grazie.

Ma torniamo al Solstizio.

Venerdì sera alle 23:00 sono ancora in garage a finire di montare la mia Colossal (le dedicherò un post in settimana sulle specifiche di montaggio e prime sensazioni di guida, ottime!!!), quindi per me niente giro di prova prima della rando, farò il test direttamente sulla distanza dei 200km. Dopo una breve uscita intorno a casa per verificare il nuovo sistema di illuminazione me ne vado a letto.

La giornata di sabato la passo al lavoro, in pausa pranzo ne approfitto per riempire le borse e preparare i vestiti. Nella frame bag trovano posto: una maglia di lana a manica lunga, copriscarpe impermeabili (che non sono impermeabili), due scaldini per mani e piedi, due bottiglie di Ensure Plus, pompetta e due brugole giusto se dovessi cambiare la posizione in sella. Altre calorie nella Gas Tank sul tubo orizzontale: un’ altra bottiglia di Ensure Plus, due razioni K, due barrette, due gel. Non dovrei avere problemi per tutta la notte in quanto a energia.

La bici così allestita mi piace un sacco, fa molto “Mad Max” (ed è piaciuta anche in rete, la foto dell’ allestimento per la rando è finita su Explore di Flickr!).

Solstizio 2013 001

Alle 19:15 esco di casa in bici, la Vale mi fa una foto, carica i documenti in macchina e mi raggiunge al bar, mi darà una mano con la distribuzione dei documenti (alla piccola Eva questa sera ci pensano i nonni!).

Solstizio bar

I randagi arrivano e subito noto le giacche bagnate di pioggia. E la cosa non mi piace. Uno dei fattori che può cambiare drasticamente l’ esito di una rando come questa è il clima. Pedalare tutta notte sotto l’ acqua in Dicembre può trasformarsi in un incubo. Per fortuna la temperatura registrata non è quella solita di questo mese, resterà intorno ai 5/6° per tutta la notte facendoci concludere la prova senza troppi problemi.

briefing

Dopo un piccolo briefing alle 20:30 partiamo in direzione nord; un po’ di salita ci porta a Santa Massenza che raggiungiamo tutti insieme. Si risponde alla domanda sulla carta di viaggio e via di nuovo verso Arco, questa volta in discesa. C’ è ancora un po’ di traffico sulla statale ma niente di importante. Arriviamo al Bar Conti di Arco dopo meno di due ore e poco più di 40km fatti. Visto che sono in anticipo di 15′ sulla tabella di marcia me la prendo comoda e decido di bermi un thè caldo. Fuori scalpitano già e la maggior parte del gruppo riparte in men che non si dica. Li lascio andare, voglio godermi in tranquillità questa lunga notte dicembrina.

E’ ora di andare, il viaggio è ancora lungo e possibilmente vorrei arrivare a Peschiera prima della chiusura del McDonald’s. Al bar ho appena fatto conoscenza con un gruppo di ragazzi di Brescia (e uno da Roma!); per loro è la prima randonnée. Non sono i soli ad avere scelto il Solstizio come prima esperienza e devo dire che la cosa mi stupisce. Usciamo insieme e ci avviamo verso il Garda. Belle bici tutt’ intorno, l ‘acciaio finalmente la fa da padrone: c’ è la mia Colossal, la Pacer di Francesco, la Sutra di Rinaldo e ben quattro Legor artigianali! Eh sì, come scoprirò tra poco tra i ragazzi c’ è anche Mattia Paganotti, artigiano telaista fondatore di cicli Legor. E’ un piacere averlo ospite alla mia rando e poterlo conoscere di persona. Prima rando ma lo spirito è quello giusto, abbiamo bisogno di gente come voi 😉

Verso Peschiera

Come raggiungiamo il lago inizia a piovere. Non ci voleva. E’ una pioggerella fine ma bagna sia i vestiti che l ‘asfalto e in pochi minuti ho i piedi a mollo nonostante i copriscarpe. Me ne faccio una ragione e proseguiamo, per fortuna non è freddo.

Siamo quasi a Peschiera quando un incidente meccanico ci obbliga alla sosta. Mattia rompe la catena e ovviamente nessuno ha uno smagliacatena. Che si fa? Provo a telefonare a qualcuno del gruppo avanti ma non mi rispondono, così decido insieme a Rinaldo (una locomotiva quando si mette a tirare!) di raggiungere il più in fretta possibile il controllo nella speranza di trovare ancora qualcuno. In pochi minuti ci siamo e per fortuna troviamo anche uno smagliacatena! I ragazzi arrivano spingendo Mattia, catena riparata, l ‘avventura continua (lezione da imparare, MAI senza smagliacatena!).

McDonald's

E’ da poco passata l’ una di notte, il Mc sembra un campo di battaglia: i randagi si sono sparpagliati per tutto il ristorante, scarpe e calzini bagnati ovunque. Per fortuna fuori ha smesso di piovere. Dopo una lunga pausa ci rimettiamo in marcia, insieme.

La traversata del basso lago è sempre un po’ noiosa. Abbiamo tutti sonno, proviamo una sosta caffè ma il bar è già chiuso. Si procede.

Shell

Sono le tre e trenta quando raggiungiamo Toscolano Maderno al km 152. Il controllo consiste nel rispondere ad una domanda sulla carta di viaggio. Nel frattempo ci siamo un po’ separati, ormai mancano pochi chilometri all’ arrivo, la stanchezza  si fa sentire ed ognuno procede col proprio passo. Si rimette a piovere, forte. L’ obbiettivo di tutti è arrivare alle gallerie che offriranno un po’ di riparo.

Galleria

La notte cede il passo al giorno, è ancora buio ma già si sentono gli uccellini cinguettare, il Solstizio d’ Inverno volge al termine e noi lo abbiamo passato tutto in sella.

Alle 05:35 sono ad Arco, il bar funziona a pieno regime (grazie Pio ed Andrea per la disponibilità e grazie alle ragazze che ci hanno aperto), facce assonnate ma contente. I randagi consumano la colazione, strette di mano, auguri, e la consegna della meritata spilla a ricordo “dell’ impresa”.

A poco a poco tutti tornano a casa, gli ultimi arrivano, tutti sani e salvi, nessun problema, nessun incidente. Posso rilassarmi anch’ io, è finita.

Un saluto particolare a tutti quelli che hanno condiviso la strada con me, avete reso questa esperienza ancora più bella, grazie. E anche stavolta ho imparato qualcosa da voi.

Tutte le foto sul set di Flickr.

Alla pagina dedicata la lista degli omologati e finisher.

 

Solstizio d’ Inverno, consigli utili.

La data si avvicina. Mancano meno di due settimane alla randonnée del Solstizio d’ Inverno, 200km da percorrere in totale autonomia attraverso la notte più lunga (e fredda!) dell’ anno.

Ne approfitto per chiarire alcuni punti e dare qualche informazione utile per chi vorrà partecipare.

Ricordo che non ci sarà nessuna forma di assistenza e/o servizio forniti dall’ organizzazione: si partirà alle 20:30 dal Bar Conti d’ Arco per dirigersi a nord fino a Santa Massenza, km 20 e luogo del primo info-controllo non presidiato. In questa tratta si passerà sulla strada statale in quanto sia sulla ciclabile che su strade secondarie potrebbe esserci ghiaccio. Una volta risposto alla domanda sulla carta di viaggio (portare una penna) si ritornerà al luogo di partenza con 43km percorsi in totale. Il controllo chiuderà alle 23:22 e il bar sarà aperto fino a quest’ ora.

Da questo punto in avanti i partecipanti devono calcolare che potrebbero non trovare nessun esercizio commerciale aperto per tutto il resto della prova (150km circa)!

Si proseguirà verso sud percorrendo il periplo del Garda in senso orario (lato Malcesine per primo). Il secondo controllo sarà al ristorante MC Donalds di Peschiera del Garda, al km 109. Il controllo chiuderà alle 03:42, ma nonostante il ristorante sia aperto fino alle 03:00 potrebbero chiudere prima, verso le 02:00. In caso di ristorante chiuso fare una foto ritraente la propria bicicletta e il ristorante e segnare l’ ora di passaggio sulla carta di viaggio.

Attenzione al ghiaccio sulla discesa prima di Salò verso la Fonte Tavina!! Ci sono alcuni tornanti, guidare piano!

Il terzo controllo sarà un info-controllo a Toscolano Maderno, km 152, aperto fino alle ore 06:38. Rispondere alla domanda e segnare l’ ora di passaggio sulla carta di viaggio.

L’ arrivo dopo 40km sarà sempre presso il bar di partenza ad Arco. L’ orario di apertura del controllo è dalle 02:11 alle 09:22, ma il bar aprirà per noi solo alle 05:00. Per quelli che finiranno prima segnare sulla carta di viaggio l’ ora di arrivo e imbucarla nella scatola dedicata all’ ingresso del bar. Ve la rispedirò io a casa una volta controllata e omologata.

Non ci sarà servizio docce.

Per ora le previsioni sono ottime e le temperature si aggireranno in un range compreso tra i +5° e i -5°. In caso di pioggia o nevicate ricordo che la rando verrà annullata con comunicazione a tutti gli iscritti via e-mail e su questo sito 24h prima.

Ovvio ma utile ricordarlo: casco, luci (occhio alle batterie, con il freddo durano molto meno del normale) e bretelle riflettenti obbligatori. Aggiungere alla dotazione una maglia in più e degli scaldini (piccole bustine autoriscaldanti da infilare nei guanti e nelle scarpe) non farà di certo male.

Per celebrare un gemellaggio con gli amici di Seattle che mi hanno ispirato vi propongo come lettura un racconto dell’ edizione del 2011:

-Remembering the 2011 Winter Solstice Ride, di Kevin Brightbill’s 

E per tutti i finisher la mitica spilla!

pins

 

ps un saluto anche all’ amico Max di spokesandnipples che pedalerà sulle strade di casa la stessa notte.

Randonnée delle Pale di San Martino, 300km ACP

Un Maggio così non si vedeva da duecento anni. Il venerdì e sabato precedenti la randonnée una perturbazione anomala porta abbondanti nevicate in quota, ne cadono venti centimetri sul Passo Brocon e quaranta sul Rolle.

Sabato, dopo un giro di telefonate per verificare lo stato delle strade, decido per partire, la rando domani si fa. Le previsioni sono per un’ apertura, l’ unico problema sarà dato dal freddo.

Per il ritiro documenti mi organizzo alla bell’ e meglio nell’ officina del negozio dato che sono da solo: brioches fresche, caffè e qualche succo di frutta. A partire dalle cinque del mattino i randagi arrivano, nessun nuovo iscritto, partiremo in quattordici, tra i quali una donna, Gabi (una nota di merito anche all’ amico Giorgio che è arrivato in bici da Verona, e che quindi tornerà a casa sempre in bici).

IMG_1923

Alle sei partiamo in gruppo direzione Trento, il freddo è pungente, 3°, roba da inverno. Qualcuno si stacca sulle prime rampe ma in linea di massima procediamo tutti insieme; dopo il rapido attraversamento di Trento si ricomincia a salire un po’ fino a Civezzano, poi giù a Pergine e su di nuovo verso il lago di Levico. Tanti saliscendi che ci fanno accumulare 700mt di dislivello in questa prima frazione. Seguono 35km facili sulla bella ciclabile della Valsugana.

IMG_1931

 

IMG_1932

A Grigno c’ è il primo controllo. Da qui in avanti il percorso inizia a fare sul serio, seguiranno in rapida successione le salite al Passo Brocon, Passo Gobbera e Passo Rolle. Il gruppo si scioglie sulle prime rampe del Morello, salgo insieme ad Ivano, Lorenzo e Alberto fino a Castello Tesino, poi come inizia la seconda parte della salita ci separiamo. Qui commetto un errore grave che probabilmente ha compromesso il resto della giornata: procedo da Castello Tesino fino al passo con la borraccia vuota, arrivando in cima con i crampi alle gambe, situazione ormai difficile da recuperare.

Prima di scollinare incappiamo nel problema neve!

IMG_1936

 

IMG_1939

In cima al Brocon non fa particolarmente freddo, c’ è ancora il sole ma soprattutto la strada da questo versante è asciutta e pulita: la discesa è spettacolare, divertimento puro. Riparto dal controllo da solo, supero Gabi e Alberto, e a Canal San Bovo ritrovo Ivano e ci facciamo compagnia sulla breve scalata al Gobbera. Nessun problema a superare i lavori, si passa in sella su strada sterrata.

Il Rolle. E’ diventato un po’ il mio incubo. E’ lungo e costante, e le pendenze non sono mai eccessive. Di sicuro non il mio terreno di gioco preferito. Sento subito che la gamba non risponde bene, sarà un lungo scandire dei chilometri, due ore da solo dove cerco di restare concentrato sull’ obbiettivo finale. In quota il paesaggio è allucinante, sembra di stare in inverno, completamente diverso da come lo avevo trovato pochi giorni fa. Condivido gli ultimi chilometri con Giancarlo e Bruno Nicola (quest’ ultimo oggi veramente a spasso, continuava a fare su e giù per parlare un po’ con me e un po’ con Giancarlo) e insieme raggiungiamo il controllo. Nel bar una piccola stufa riscalda l’ ambiente, fuori dalle finestre si intravedono solo nebbia e nuvole, il sole è sparito e la temperatura è scesa vicino allo zero.

IMG_1941

 

IMG_1944

Ho speso parecchio tempo a pensare all’ abbigliamento che avrei dovuto portarmi oggi, e per fortuna ci ho preso: la maglia intima invernale e i copripantaloni si faranno apprezzare nella lunga discesa verso Predazzo, nevica!

Formiamo un gruppetto di cinque fino al controllo di Ora. La lunga discesa dal Passo di San Lugano è stata un toccasana per recuperare le energie. Al Bar Abram ci fermiamo qualche minuto in più a mangiare qualcosa; nel frattempo ci ha raggiunto anche il marito di Gabi, sarà il nostro asso nella manica per raggiungere Trento; il vento oggi è fortissimo, non perdona, ma grazie a lui percorriamo i 45km che ci separano dalla città ad una buona andatura. Si sacrifica per noi tirando quasi tutto il tempo, doveroso offrirgli un buon piatto di pasta una volta giunti a Pietramurata!

IMG_1949

Adesso manca solo Candriai, “mezzo” Bondone. Mai mi sono maledetto tanto. Pensavo che il fatto che questo fosse l’ ultimo ostacolo di giornata mi avrebbe aiutato. Mi sbagliavo. Gabi e suo marito procedono spediti, Alberto lo trovo fermo dopo un chilometro: “ho bisogno di un minuto di raccoglimento ogni chilometro” mi dice mentre lo supero. A Sardagna riempio la borraccia, ogni scusa è buona per mettere il piede a terra. Poi i chilometri non scorrono più, si contano le centinaia di metri. Fino a quando salto, ai -1 piede a terra e si cammina in fianco alla bici! La vista del Bar Posta mi fa tornare le energie, rimonto in sella per salvare la faccia.

Alle 21:30 arrivo a destinazione, stanco ma contento. Mi concedo anche io un bel piatto di pasta al ragù e un paio di birre; nel frattempo arrivano anche gli ultimi, posso finalmente rilassarmi, nonostante l’ inconveniente “freddo” è andato tutto per il verso giusto.

Un grazie a tutti i ciclisti che hanno partecipato, a Gianni del Bar New Entry che ci ha ospitati al nostro arrivo e al boss che mi ha dato una mano la mattina prima del via.

Randonnée delle Dolomiti di Brenta-200km ACP 2013

Sedici randagi DOC si sono ritrovati ieri per la seconda edizione della mia Randonnée delle Dolomiti di Brenta, sedici coraggiosi che hanno sfidato le previsioni meteo, ma la fortuna premia gli audaci, e così è stato. Una giornata variabile che ha visto alternarsi brevi pioggerelle e sole, con temperature che hanno oscillato dai 5/6° del Passo Campo Carlo Magno ai quasi 20° del nostro arrivo a Pietramurata. I presenti erano tutti comunque preparati al peggio, non ho visto nessuno partire “leggero”. Io avevo con me il kit da pioggia (giacca e pantaloni), più calze e guanti di ricambio ed una maglia intima invernale. 2kg di bagaglio che mi hanno fatto viaggiare più sicuro e pronto ad affrontare ogni eventualità.

Brenta_1

Dopo la distribuzione delle carte di viaggio presso il bar Movida che ci ha ospitati prima del via, siamo partiti tutti insieme restando più o meno uniti fino al primo controllo di Spormaggiore. Da li, dopo la tecnica e ripida discesa, una foratura di Andrea che viaggiava con me ci ha separati dal resto del gruppo; ripartire con le gambe fredde sulle rampe al 18% verso Sporminore è stata una sofferenza, per fortuna il tratto era breve! Il meteo non concedeva una tregua psicologica, e durante tutta la prima parte del percorso non sono mai riuscito a rilassarmi completamente; a Ponte Mostizzolo decidiamo di saltare la ciclabile (come avevo consigliato alla partenza in caso di pioggia) ed arriviamo a Dimaro asciutti grazie ad un vero e proprio corridoio di cielo azzurro sopra di noi. Le nuvole sul passo non promettono nulla di buono, tant’ è che a due chilometri dallo scollinamento inizia a piovere; 8° sul valico a 1680mt, il tempo di mangiare una fetta di torta al cioccolato e ripartiamo dal secondo controllo per la lunga discesa vestiti come in inverno!

brenta_2

A Pinzolo siamo di nuovo fermi, questa volta per svestirci, 16° adesso! (sul finire di giornata queste continue soste peseranno sul tempo totale impiegato per portare a termine il percorso, ben 1h 50′ col piede a terra); proseguiamo da qui con Giorgio, randagio trentino di Pergine Valsugana, e resteremo insieme fino all’ arrivo. Un breve temporale mentre attraversiamo la Val Rendena, poi il tempo va a migliorare, solo un po’ di vento contro; raggiungiamo il terzo controllo di Stenico alle 15:30, abbiamo ancora 50km da fare ma ormai posso rilassarmi. Sulla salita del Passo Ballino esce uno splendido sole che ci fa apprezzare ancora di più l’ altipiano di Fiavè ed i suoi prati verdissimi, davvero un luogo incantevole. A Tenno ci ricompattiamo, un timbro veloce e ripartiamo per la lunga discesa sulla “busa”; il vento alle spalle farà il resto, accompagnandoci fino a Pietramurata.

brenta_3

Arriviamo alle 17:45, più o meno come l’ anno scorso; al New Entry i randagi si stanno già gustando le tagliatelle al ragù. Tutti contenti e soddisfatti di aver portato a termine il 200 più duro del calendario italiano (a detta dei partecipanti).

Gli ultimi giungeranno al traguardo alle 19:45, tutti brevettati con successo per questa seconda edizione. Ora devo valutare come muovermi per l’ anno prossimo, probabilmente andrò già in ottica qualifiche PBP proponendo un 200 più facile; in ogni caso la Dolomiti di Brenta resterà come brevetto permanente. Vedremo, tutte le novità al riguardo verranno comunque pubblicate sul sito dei Trentino Randonneurs.

Un grazie a tutti i partecipanti per essere venuti e ci vediamo il 26 Maggio per il 300km delle Pale di San Martino.

Tutte le foto su Flickr e qui l’ elenco dei ciclisti omologati.

Rescarando, 300km randonnée ACP

IMG_1651

Domenica scorsa si è svolta la terza edizione della Rescarando (qui la mia partecipazione del 2011) a cui mi ero iscritto già da tempo. Speravo di arrivarci con almeno una distanza da 200km nelle gambe, ma i soliti impegni quotidiani mi hanno impedito di fare una preparazione classica “a scalini”; così sabato sera ho le solite preoccupazioni prima di addormentarmi nel mio furgone. Il sonno è breve e disturbato, tre/quattro ore prima che la sveglia suoni. Il ritrovo è a partire dalle cinque della mattina, e quando mi sveglio c’ è già un discreto numero di randonneurs al ritiro dei documenti; meno però di due anni fa, le previsioni meteo non proprio buone hanno un po’ limato il numero dei partenti, in 137 prenderanno il via per i 300km.

E’ bello ritrovare alla partenza facce amiche che non vedevo da tanto tempo anche solo per un saluto (tra una cosa e l’ altra mancavo da una manifestazione ufficiale-Dolomiti di Brenta a parte-da più di un anno), e ancora più bello condividere il percorso con qualcuno: oggi io, Umberto (che mi ha accompagnato durante il viaggio) e Lorenzo viaggeremo insieme. C’ è anche Gianluca del nostro team, che però parte con un passo diverso e ci sentiremo per telefono solo una volta arrivati.

IMG_1655

Il primo quesito è cosa mettersi addosso. Aprile non ti scoprire, perciò parto con pantaloni lunghi, tre strati di lana merinos sopra (intimo manica corta+intimo manica lunga+maglia da bici lunga) che garantiranno un discreto riparo dall’ aria lasciando respirare la pelle: nella borsa Carradice sotto la sella copripantaloni, giacca, calze e guanti di scorta.

Non passano neanche 20km che inizia a piovere, così tanto da costringerci subito a fermarci: troviamo riparo per vestirci e come noi tanti altri. Purtroppo pedalare tutti bardati con questi continui saliscendi non è piacevole; già m’ immagino come sarà lunga questa giornata. Ma per fortuna la pioggia dura poco e dopo mezz’ oretta circa smette del tutto. Altra sosta, questa volta per spogliarsi! Per fortuna.

Alle 09:30 arriviamo al primo controllo, situato sulla sponda del Lago Maggiore: c’ è un bel ristoro, mi bevo un thè caldo con due fette di crostata e poi ripartiamo senza perdere troppo tempo.

IMG_1654

Inizia la seconda parte della randonnée, di sicuro la più bella, il percorso si inoltra in zone poco battute, piccole stradine che attraversando boschi e zone rurali ci portano dal Lago Maggiore al Lago d’ Orta. Per strada una bella sorpresa, incontriamo Andrea che abita da queste parti, amico randagio che sapeva del nostro passaggio, ci accompagnerà per un centinaio di chilometri facendoci da cicerone. Bellissima la strada dopo Gignese che passa in una valle dimenticata da tutti: ci imbattiamo anche in una caratteristica fiera di animali.

IMG_1661

IMG_1666Il controllo di Cesara è una vera e propria ancora di salvezza, un piccolo momento di sosta prima di affrontare gli ultimi 8km di salita che ci porteranno alla Colma, cima Coppi di giornata. Qui Andrea ci saluta e ritorna verso casa, noi scendiamo dall’ altro versante e formando un bel gruppetto ci avviciniamo all’ ultimo controllo a Cressa, km233.

La parte finale scorre via veloce, stiamo tutti bene ed è uscito anche un bel sole; le difficoltà sono alle nostre spalle, non resta altro che goderci questi ultimi chilometri. Arriviamo a Rescaldina alle 19:00 con più di 290km per 3000mt  di dislivello (migliorando di quindici minuti il tempo del 2011!). Doccia, pasta e si torna a casa.

IMG_1678

Una piccola nota alla mia Mercian che nonostante l’ assetto completamente stravolto (gruppo/sella/nastro/pedali/ruote nuovi) e senza avere avuto il tempo di provarla prima, ha svolto egregiamente il suo lavoro, come sempre d’ altronde!

La Rescarando resta una randonnée di quelle da non perdere, un bel percorso, frecciatura e roadbook perfetti, controlli con ristoro, colazione e pasta party, gadget e premi ad estrazione. Grazie jimmy per questa bella manifestazione e grazie agli amici che mi hanno accompagnato in questo viaggio, i Trentino Randonneurs hanno risposto all’ appello, adesso vi aspettiamo a Pietramurata 😉