Caccia scarsa nel 2015

Logo

Sono già 8 anni che sono iscritto al Club Cento Colli, storica confraternita Francese per gli amanti delle salite e delle sfide in montagna a cavallo della propria bicicletta (per farne parte bisogna avere scalato almeno 100 colli diversi, di cui almeno 5 sopra i 2000mt), ma la stagione passata è stata per me la peggiore come nuove conquiste.

Solo 4 i colli del 2015:

IT-TN-0418 Bocca di Padaro

418

Trentino A.A.
IT-VA-0890 Passo di San Michele

890

Lombardia
IT-FI-0897 Passo della Futa

897

Toscana
IT-BZ-1375 Passo del Brennero

1375

Trentino A.A.

che portano il mio totale personale a quota 290. Speravo di raggiungere i 300 già quest’ anno, ma sapevo che le qualifiche alla Parigi-Brest-Parigi avrebbero rubato molto tempo alla famiglia; poco male, resta come obbiettivo del 2016, e soprattutto mi dovrò impegnare per portare a casa qualche nuovo +2000mt dato che non ne segno dal 2013!

Tanto per dare qualche numero, per ora la personale classifica al ribasso vede:

  1. 2015, 4 colli;
  2. 2012, 5 colli;
  3. 2011 e 2014 a pari merito, 10 colli;
  4. 2013, 12 colli;
  5. 2010, 49 colli;
  6. 2009, 79 colli;
  7. 2008, anno di ingresso nel Club con 121 colli.

Più la lista personale si allunga (anche se la mia fa ridere se paragonata a un certo Michel detto “Le Top” che ha collezionato 10.000/diecimila colli!), più è difficile conquistarne di nuovi, ma fa parte del gioco; i miei sono praticamente tutti asfaltati, e ho una gran voglia di dedicarmi alla ricerca di quelli catalogati come R1 (route non goudronnée, cyclable) da percorrere sempre con la mia amata specialissima.

Un sogno? Chiudere la carriera ciclistica a quota 1000/mille, ma ci vorrà impegno e dedizione 😉

Sustenpass

Salendo al Sustenpass-CH

Pasqua epica al Corno d’ Aquilio

IMG_3860

Oggi un’ uscita di quelle che non si dimenticano.

Si parte alle 05:00. Obbiettivo di giornata un anello da 100km comprendente tre salite: Peri-Fosse, il suo naturale prolungamento fino al Corno d’ Aquilio (Col di Pealda bassa) e per finire in bellezza la Chizzola-Brentonico.

Mi stupisce sempre trovare compagnia con partenze così mattutine, ma Carlo accetta di buon grado e alle 05:00 si presenta puntuale fuori casa. Io in compenso sono un pelo in ritardo, per fortuna avevo puntato due sveglie e con la seconda mi sono fiondato giù dal letto alle 04:30; giusto il tempo di vestirmi, una rapida occhiata fuori dalla finestra nel buio più totale per verificare se piove e sono pronto anch’ io.

Luci accese e si parte. Temperatura freschina per il periodo, mi tornano in mente bei ricordi. Sulla maza si chiacchiera poco, testa bassa e fila indiana per scaldare i motori. In un attimo siamo a Mori e imbocchiamo la Val d’ Adige. Poco traffico, si resta sulla statale per rubare qualche minuto alla tabella di marcia già risicata al minimo.

Dopo poco più di un ora e mezza arriviamo a Peri. Ormai sta albeggiando, tempo di spegnere le luci e concentrarsi sulla prima fatica di giornata. Spero in un’ inversione termica in quota, qua in valle ci sono 4° e facendo due conti in cima…..

IMG_3852

La Peri-Fosse è una gran salita, lunghezza non eccessiva e una pendenza da “sempre in tiro”, a parte quel maledetto km7 giusto poco prima dell’ arrivo. L’ affrontiamo senza strafare e in una cinquantina di minuti siamo in cima. Il bar è chiuso, d’ altronde è Pasqua. 0° e zero inversione termica purtroppo. Si riparte senza cincischiare troppo, direzione Corno.

Inizialmente la strada sale tra case e malghe con uno sguardo impagabile a sinistra sulla Val d’ Adige e a destra su tutta la Lessinia fino a Verona. Silenzio totale rotto solo dai malgari che portano fuori dalle stalle le vacche. Della strada ho solo un vago ricordo, meglio a volte non sapere cosa ci aspetta.

Dal cielo mi accorgo che cade qualcosa di bianco…beeene, nevica! Senza preoccuparcene troppo iniziamo i tratti misti di asfalto ecologico e sterrato con la strada stretta e tortuosa che penetra nel bosco. La neve caduta la notte prima ricopre gli abeti intorno a noi e mano a mano che prendiamo quota il fondo stradale a tratti ne è completamente sommerso.

IMG_3856

A quota 1400mt lo sterrato finisce, usciamo dal bosco per entrare in un paesaggio surreale. Si intravede solo una piccola striscia d’ asfalto nera insinuarsi tra i contorni morbidi e bianchi del paesaggio. La neve in alcuni punti è stata portata dal vento anche sul manto stradale ma riusciamo a pedalare fino allo scollinamento.

IMG_3857

In cima ci fermiamo per ammirare questo spettacolo della natura conquistato a colpi di pedale. Il termometro segna -3°, tempo di vestirsi e in fretta perdere metri di quota per raggiungere temperature più miti.

Purtroppo i 2km che ci separano da Sega di Ala sono tutto fuorché facili da percorrere. Moltissima neve e ghiaccio sulla strada ci costringono più volte a scendere di sella per proseguire. Il ghiaccio si infila nelle tacchette delle scarpe e ogni volta per ripartire bisogna pulirle. Tutto questo da fare ci rallenta parecchio, così finalmente guadagnata la SP211 (la mitica Sdruzzinà che oggi faremo in discesa) il tempo ci è tiranno e decidiamo che salteremo l’ ultima salita di giornata.

Dopo una discesa ripida e scomoda non ci resta che tornare a casa, ovviamente con il vento in faccia!

Giornata epica, grazie Carlo per la compagnia, alla prossima.

Primavera, la montagna chiama.

Martedì ero di riposo settimanale sul lavoro, così dopo aver accompagnato Eva all’ asilo sono partito per un’ uscita mattutina sfruttando il meteo splendido e primaverile che questa settimana pre-Pasquale ha regalato in Valle del Sarca.

Dopo varie tribolazioni ho finalmente trovato il giusto assetto in bici e così mi è tornata la voglia di fare fatica, quindi oggi si va in montagna. Non posso certo dire di non amare la salita, ma non sono neanche uno di quelli “ammalati” di dislivello o di performance fuori del comune. Una cosa è certa però, senza montagne da scalare per me non ci sarebbe ciclismo.

Ore 09:30 sono in strada, vado su per il Ballino. Non venivo di qua dal giorno dell’ incidente. Brutti ricordi che ancora non mi mollano, soprattutto quando punto il manubrio verso valle. Comunque oggi eviterò la tratta incriminata, a Fiavè devierò per il passo Durone.

Sento subito buone sensazioni alle gambe, ultimamente ho calato di un po’ il chilometraggio settimanale e il risultato è stato quello di avere una maggiore freschezza fisica e mentale. Probabilmente l’ anno scorso andavo più forte, ma andare forte non è tra le priorità di quest’ anno quindi va bene così. La strada che sale dopo Varone è ancora trafficata, mi distraggo con la splendida vista sul Lago di Garda mentre prendo il ritmo con la salita.

Superato il lago di Tenno mi accorgo di uno zaino buttato in mezzo al prato a lato della strada; mi fermo a dare un’ occhiata. Raccolgo il contenuto sparpagliato per terra e lo ripongo all’ interno (effetti personali, occhiali, un maglione ma niente portafogli o documenti) prima di posarlo in vista a bordo strada. Ecco il risultato di un furto da una macchina, brutta situazione purtroppo sempre presente nei luoghi turistici. Magari il legittimo proprietario passerà di qua e lo potrà recuperare.

In cima al passo Ballino non mi fermo neanche, mi infilo la mantellina sulla piana prima del valico e poi mi butto sulla discesa (prudente) verso l’ altopiano di Fiavè. L’ aria è fredda ma non si soffre, è proprio una giornata ideale per pedalare.

IMG_3829

Il Durone da questo versante è più facile, circa 6km di pendenze più che abbordabili per scollinare a quota 1039mt. In cima faccio sosta, scendo dalla bici e mi mangio una barretta. Si sente il rumore del vento che si insinua nel bosco, gli alberi si piegano e scricchiolano tra loro. Seduto al sole mi guardo intorno e mi sento proprio fortunato a poter godere di tutto questo. Il piccolo senso di conquista dell’ aver valicato un passo con le proprie forze aggiunge soddisfazione al momento.

Una volta sceso a Tione faccio una piccola modifica all’ itinerario causa tempo che stringe: non voglio privarmi dell’ ultima salita, quindi invece di affrontare il passo Daone da Spiazzo come da programma (essendo per me il versante di salita sconosciuto) vado direttamente a Preore. Farò la salita in andata-ritorno dal versante che già conosco e temo! Ma oggi è proprio la mia giornata, dopo le prime rampe che servono alle gambe a riprendere il ritmo, mi godo la fatica fino in cima. L’ unico fastidio è il caldo, il versante è molto assolato, la velocità è bassa e io sono vestito un pelo di troppo, ma in fondo una bela sudata non ha mai fatto male a nessuno! Per chi non avesse mai fatto questa salita, bisogna tenere duro per i primi 5km, poi si tira il fiato per 2km (pendenza media che scende di due punti ma rimane comunque intorno all’ 8%) prima del chilometro finale di nuovo a due cifre. L’ arrivo è un po’ anonimo e chiuso nel bosco, ma ne vale comunque la pena, è una signora scalata.

IMG_3835

La discesa è tanto faticosa quanto l’ ascesa da quanto la strada è ripida! Ultima fatica la risalita fino a Stenico, ma niente di che, prima della lunga planata verso Sarche dove il solito vento fortissimo e contrario mi farà penare fino a casa.

Posso dire il primo giro impegnativo dell’ anno (altimetricamente parlando), 95km con più di 2000mt di dislivello.

Non contento ed approfittando sempre dell’ alta pressione in valle, oggi, dopo due giorni dal giro, una bella “sgambata” di pausa pranzo sul Monte Bondone. Semplicemente meraviglioso poter fare un giro così in una giornata lavorativa. Le gambe avevano già recuperato e mi sono proprio divertito salendo bene, a parte piccole crisi di fame. In cima ancora un po’ di neve e gente con gli sci, ma anche parecchi ciclisti trovati per strada, sintomo che è proprio ora di salire in quota, e non posso che essere felice.

IMG_3842

Gavia e Mortirolo

Questo è il cosiddetto “late post“, dato che si tratta di un giro fatto circa tre settimane fa, ma non volevo perdermi l’ opportunità di scriverlo vista la grande fatica provata a scalare il Passo Mortirolo.

Giovedì 11 Luglio, a due giorni dal mio matrimonio, ho deciso di celebrare l’ addio al celibato alla mia maniera, regalandomi una giornata da solo in mezzo alle montagne: la scelta è caduta sul Mortirolo, un tassello importante che ancora mancava alla mia collezione da centocollista.

Prima però c’ è il Gavia, una salita che non scherza; è la terza volta che lo affronto, la prima era stata durante il brevetto permanente Tour dell’ Ortles, la seconda al termine di una meravigliosa vacanza in Svizzera.

C’ è una comoda area camper appena superato l’ abitato di Ponte di Legno, sulla strada verso il passo. Condivido il parcheggio con un’ altra coppia di ciclisti, la zona è molto battuta in questo periodo, sul percorso ne troverò parecchi, soprattutto stranieri venuti a cimentarsi con due salite icone del ciclismo mondiale.

Superata la prima parte la strada si stringe lasciando spaziare la vista.

Immagine

Supero anche un cicloturista non giovanissimo, bici in acciaio datata di quelle che piacciono a me, e piccolo bagaglio; passo qualche minuto a pensare al giro che starà facendo e un po’ lo invidio.

Ad un certo punto arriva la fatidica galleria, quella buia, e con piacere scopro che è stata illuminata; poca cosa, delle piccole luci sul lato sinistro, quanto basta però a non perdere l’ orientamento. Faccio un po’ fatica nel tratto successivo, ma ormai manca poco. Sul passo il lago Bianco è ancora ghiacciato, offrendo uno spettacolo naturale bellissimo.

Immagine

Dopo la lunga discesa su Bormio bisogna percorrere il fondovalle fino a Mazzo di Valtellina (ci sarebbe anche una via di salita da Grosio, ma Mazzo è la classica nonchè più dura salita al Mortirolo e io come prima voglio quella) e si comincia: 1300mt di dislivello in poco più di 12km.

Immagine

I primi 3km passano indolore, caldo a parte, poi la salita scopre le sue carte e si fa davvero impegnativa. Gli strappi sono lunghi e duri con punte del 16/18%: per sei lunghi chilometri non si scende mai sotto l’ 11% di media.

Immagine

Passata la parte dura si trova una piccola oasi in località Piaz dove è impossibile non fermarsi, tanta ombra, un tavolo di marmo ed una fontana. Da qui in poi le pendenze calano e si può tirare il fiato anche se le gambe non sono più quelle di prima.

Immagine

Il passo è situato su di una distesa prativa con una bella vista su entrambi i versanti, ma non ci sono rifugi o possibilità di ristorarsi. Ho con me una barretta , mi accontento di quella.

Immagine

Per la discesa scelgo la variante lunga verso Trivigno: subito dopo il passo si gira a destra e si prende una bella strada in costa molto “golosa” per un centocollista. Si transita infatti da:

  • Alpe Foppa, 1709mt;
  • Passo di Guspessa, 1824mt;
  • Baita Foppa, 1701mt (quest’ ultima con una breve deviazione).

Immagine

Così facendo si scende su l’ Aprica e dato che mi mancava anche questo è presto fatto.

Immagine

Il ritorno a Ponte di Legno è più faticoso del previsto, il caldo e la stanchezza mi faranno penare gli ultimi 15km in costante salita, anche se leggera.

Gran bel giro, così fatto sono 140km con 3700mt disilivello, qui la traccia su Openrunner. Il Mortirolo entra di diritto tra i passi più duri da me affrontati, credo di poter dire al secondo posto dopo Punta Veleno; non ha la bellezza del Gavia ma di sicuro merita di essere affrontato, a patto di avere gambe e rapporti adeguati.

Pale di San Martino pre-ride

Come di consueto ieri sono uscito in bici sul percorso della Randonnée delle Pale di San Martino del prossimo 26 Maggio per verificare gli ultimi dettagli.

Sono partito da Trento per accorciare un po’ il percorso e perchè non volevo fare troppo tardi la sera. Una cinquantina di chilometri e 1200mt di dislivello in meno dal percorso ufficiale: sono stato in giro 12 ore, quindi bisognerà prevederne circa 15 per portare a termine la randonnée. Non ho corso particolarmente, ma allo stesso tempo ho ridotto al minimo le soste (solo ai controlli, più alcune brevi fermate per vestirmi e svestirmi). La giornata è stata discreta, un alternarsi di sole e nuvole con tempertaure che hanno oscillato dai 10° ai 27°: manicotti, ginocchiere ed una mantellina antivento sono bastati, maglia a manica lunga e guanti più pesanti invece sono restati inutilizzati nella borsa Carradice sul manubrio.

C’ è un problema sul Passo Gobbera: la strada è chiusa ma si riesce a passare in qualche maniera a piedi. Bisognerà scendere, caricarsi la bici in spalla e superare i lavori. Seguiranno 300mt di strada sterrata (vedere foto sotto).

Definiti i controlli:

  • km 79 Grigno, Bar Alpino;
  • km 106 Passo Brocon, Albergo Passo Brocon;
  • km 160 Passo Rolle, Bar Cimone 2000 (subito dopo il passo);
  • km 221 Ora, (ancora in fase di verifica);
  • km 274, Candriai, Bar Posta.

La salita al Passo Brocon presenta qualche strappetto duro nella sua prima parte, poi da Castello Tesino sale regolare. La discesa invece è molto tecnica, prestare attenzione soprattutto perchè l’ asfalto non è dei migliori.

Anche il Passo Rolle è una salita morbida dal punto di vista delle pendenze, ma è la classica ascesa che ti consuma lentamente: sono 21.5km da Fiera di Primiero, una volta in cima il grosso sarà alle spalle.

Una difficoltà da non sottovalutare potrebbe essere il forte vento contro in Valle dell’ Adige. Da Ora ci sono 45km circa fino a Trento, bisognerà cercare di forzare il meno possibile l’ andatura per richiamare a raccolta le ultime energie rimaste per la salita di Candriai.

IMG_1866Controllo Bar Alpino, Grigno

IMG_1867

Salendo al Passo Brocon

IMG_1869

Controllo Passo Brocon

IMG_1870

Canal San Bovo

IMG_1871I lavori al Passo Gobbera

IMG_1873Fiera di Primiero

IMG_1874IMG_1875IMG_1876San Martino di Castrozza

IMG_1877Salendo al Passo Rolle

IMG_1878In vista del passo

IMG_1879Passo Rolle

IMG_1880Il controllo subito dopo il passo

IMG_1881Imbocco della pista ciclabile a Ora

Valvestino e Passo Ampola

Oggi era il mio ultimo lunedì libero, dalla prossima settimana inizia ufficialmente la “stagione” in Valle del Sarca; la Pasqua si avvicina e con le belle giornate aumenterà progressivamente il flusso di scalatori e bikers. Da adesso mi resta un solo giorno libero a settimana che ovviamente verrà dedicato il più possibile alla famiglia. Dovrò studiarmi qualcosa per inserire a programma il classico allenamento lungo settimanale.

Intanto questa mattina sveglia presto: dovevo essere di ritorno alle 12 per ritirare la piccola dall’ asilo e trascorrere il resto della giornata con lei (pomeriggio che si è rivelato “tragico” causa suo virus intestinale, povera!), quindi poco dopo le sei con le prime luci dell’ alba ero in strada, per fortuna vestito ancora invernale (anzi, early winter per dirla alla Assos) visto che per i primi chilometri la temperatura è rimasta sui 4°. Direzione Gargnano e poi su in Valvestino, classico giro che con diverse varianti mi concedo tutti gli anni (vedere qui per gli altri passaggi): la salita che porta a Navazzo è sempre bella, spunta il sole sui primi tornanti e la temperatura sale di qualche grado. Purtroppo non è la stessa cosa per la Valvestino; oggi non la trovo piacevole come ricordavo, stretta, scura, battuta da un vento gelido. La temperatura scende a 1° e raggiungerne la fine è un vero sollievo, l’ ultimo tratto di salita che porta a Capovalle è di nuovo illuminato dal sole e per inversione termica ritrovo temperature ben più alte in cima al valico.

Dopo una discesa su fondo parzialmente ghiacciato a Idro giro a destra sulla Strada Statale 237 del Caffaro, direzione Trento, una strada paesaggisticamente molto suggestiva che probabilmente percorreremo per intero con uno dei prossimi brevetti dei Trentino Randonneurs. Una vecchia locanda sulla destra attira la mia attenzione, così approfittando del fatto che sono in anticipo sulla tabella di marcia mi fermo per bere un caffè. Il posto è molto caratteristico, la nuova gestione mi pare non ne abbia stravolto la natura; sul retro una bella terrazza permette di mangiare con una splendida vista su tutto il lago d’ Idro. Sarebbe un buon posto per un controllo.

Salita veloce (e fredda) al Passo Ampola e sono in Val di Ledro, una vera perla del Trentino; peccato che l’ unica via di accesso dal lago di Garda sia la strada del Ponale, una sterrata poco fattibile con la bdc (e il nervoso che mi viene a pensare che questa strada era asfaltata-chiusa al traffico e l ‘hanno trasformata in sentiero; ma dico io, non si poteva lasciarla così com’ era e come del resto è la tratta che dalla galleria conduce al bivio per Pregasina?); in qualche modo ne esco indenne con la Giant, ma la prossima volta mi sa che farò la galleria di 5km 😦

Il percorso su Openrunner (il dislivello giusto è circa 2000mt) e le altre foto su Flickr.

Locanda

Ponale

 

Giro Trento sotto la neve

IMG_1370

Non è sempre facile coniugare gli obbiettivi stagionali di randonneur con la famiglia; il mio programma 2013 non è certo estremo ma prevede che io arrivi ben allenato agli appuntamenti che  ho segnato in calendario se non voglio che questi ultimi si trasformino in pura sofferenza. Così la sveglia domenica suona alle 04:00, giusto un’ ora di tempo per prepararmi prima di uscire per un giro non troppo impegnativo, soprattutto senza salire in quota dato che le previsioni meteo preannunciano neve. Il rientro è previsto per le 09:00, mezz’ oretta dopo la sveglia di Eva. Con quattro ore a disposizione decido di fare il classico “Giro di Trento”, Valle del Sarca, Bus de Vela, Trento e ritorno dalla ciclabile “Claudia Augusta” verso Rovereto, poi Mori e Passo San Giovanni.

Discorso alimentazione, oggi faccio un po’ di prove con prodotti Enervit a partire dalla colazione evitando il solito latte o yogurt con cereali che è lento da digerire; caffè, qualche biscotto, due fette di pane bianco con marmellata e formaggio, più due Presport, che insieme equivalgono a circa 70gr di pasta come quota di carboidrati. Con me porto due mini barrette al cioccolato e due cheerpack (su di uno sforzo di 4 ore, alimentazione così ripartita: barretta dopo 45m e 120m, cheerpack dopo 180m e uno nella borraccia). Posso dire che la soluzione ha funzionato bene, da subito in partenza non ero appesantito, non ho avuto buchi di energie durante l’ uscita e sono arrivato a casa ancora con il “serbatoio” a metà.

La prima cosa che noto appena esco di casa è che non fa troppo freddo, nonostante ci sia una temperatura di 3° non c’ è quella sensazione dell’ aria che penetra nelle ossa (e sono vestito come al solito, giacca in softshell più intimo manica lunga della Craft in Windstopper); il cielo è coperto ma per ora tiene, mi avvio verso il centro di Arco per prendere la ciclabile, le strade sono ancora deserte e si respira la classica atmosfera da neve. Per accelerare un po’ i tempi finita la ciclabile proseguo sulla statale evitando la strada del lago di Cavedine e mi fa un certo effetto pedalare per svariati chilometri prima che una macchina mi sorpassi, la Valle del Sarca questa mattina è tutta per me con le pareti di calcare che riflettono la poca luce presente. Approfitto del passaggio davanti al negozio per fare una sosta al bagno, riempio la borraccia e riparto (in inverno è più difficile trovare le fontane, spesso vengono chiuse per evitare che l’ acqua geli e i bar aperti a questi orari scarseggiano); quando arrivo a Padergnone inizia a scendere un po’ di pioggia mista a neve. So che peggiorerà mano a mano che salgo, il passaggio di Vigolo Baselga è sempre un punto critico per la neve ma confido in condizioni migliori lungo la Valle dell’ Adige, così proseguo maledicendomi per aver lasciato a casa la giacca impermeabile (ma cosa la porto a fare la mia bellissima borsa Gilles Berthoud?!).

IMG_1367

Svalico ed inizio la discesa attraverso le gallerie che portano a Trento, la temperatura nel frattempo è calata a 0°, ideale per la neve, che infatti non tarda ad arrivare; come supero la città i fiocchi diventano sempre più grandi e il paesaggio si colora lentamente di bianco. La Via Claudia Augusta è ricoperta da 3cm di soffice manto nevoso! Decido di proseguire comunque sulla ciclabile, il fondo non è ghiacciato e la neve mi rallenta solo un po’ creando un minimo di attrito tra i parafanghi e i copertoni: in compenso però la guida è molto divertente e la maggiore concentrazione richiesta mi mantiene vigile. Sono le 06:30 e a parte qualcuno che porta a spasso il cane non incontro altre persone, situazione che mi consente di tirare qualche urlo di felicità di tanto in tanto tipo yuppy o yuhuhh!

IMG_1371

Dopo circa un’ ora di andatura “spazzaneve” albeggia e nel mentre smette anche di nevicare, l’ asfalto si fa più pulito e posso aumentare l’ andatura. A Mori abbandono la ciclabile, la strada qui è bagnata, deve avere piovuto parecchio, ma niente neve; a Loppio evito la ciclabile che ricordo ghiacciata per un lungo tratto e imbocco la statale per il Passo San Giovanni. La quota neve si attesta sui 200mt s.l.m. e infatti sul valico nevica ancora. Sono ad Arco verso le 08:30, giusto in tempo per passare in pasticceria a prendere delle brioches. A casa una bella doccia calda, una seconda colazione e poi via tutti insieme alle terme a rilassarsi in piscina. Una bellissima domenica.

IMG_1374

Il resto delle foto su Flickr.